colLateral Thoughts











{agosto 3, 2010}   Grazie Mariastella! – non si vede ma c’è…colpiti e (quasi) affondati –


Quante volte ai Tg, nella satira, nei programmi di approfondimento, e sui giornali, si vede e si sente parlare gente che ce l’ha su con la Marystar Gelmins e compagnia bella, per via delle riforme.
Di solito si sente parlare di insegnanti precari, o di insegnanti che hanno perso il posto, o di ricercatori che non possono andare avanti a ricercare.
Gli studenti si incazzano, ma in verità spesso non sanno neanche loro perché.

Spesso quel che ti fa incazzare, non si vede ma c’è.
Nessuno se ne accorge, finché non ci sbatte contro il naso.

Ecco uno dei motivi per cui dovremmo incazzarci. Non perché gli altri non siano validi, ma perché forse ha più senso combattere e/o indignarsi per le proprie battaglie che non per quelle degli altri.

Ecco uno dei vari modi con cui ci tolgono il diritto all’istruzione, con cui ci tengono una massa di capre ignoranti che non ha idea di cosa ci sia al di fuori del suo giardino.  ….Forse che così tra qualche anno non avranno più da litigare con i maestri e i professori, ci avranno ridotto a una tale ignoranza che di maestri e professori forse non ci saranno più…

Quindi vorrei condividere questa “simpatica” email che è arrivata a me a molti altri qualche settimana fa, da parte degli uffici delle università.

Gentili studenti,


a seguito di un’ingente diminuzione dei finanziamenti da parte dell’Agenzia Nazionale Erasmus per l’a.a. 2010-2011, quest’anno ci vediamo costretti a non finanziare le mensilità di prolungamento.

Questo significa che ognuno di voi riceverà il contributo erasmus e l’integrazione d’ateneo solo per le mensilità previste dal bando per la vostra destinazione, eccetto nei casi di permanenza per un periodo inferiore di quello previsto, nel qual caso verranno pagate le sole mensilità effettive trascorse all’estero.

Sarà comunque possibile richiedere il prolungamento per motivi didattici secondo le regole descritte nella guida dello studente erasmus che vi è stata consegnata al momento dell’accettazione, ma queste mensilità aggiuntive non saranno coperte da contributo finanziario.

Non esitate a contattarci per ulteriori informazioni.”

Io che sono cinica e penso sempre male….ho scelto le destinazioni per cui fare richiesta, in base alla lunghezza della borsa concessa in partenza. E così, finirò in un buco di 20mila abitanti, sperduto…ma almeno so che me ne potrò stare fuori dalle balls per 10 mesi senza problemi. Purtroppo, molte destinazioni prevedevano una borsa iniziale di 4 mesi o 5 mesi…tempo a malapena sufficiente per finire un semestre e riuscire a fare gli esami ecc.

Come sempre entra in gioco “la selezione naturale all’italiana”,  se mamma e papà hanno i soldi per pagare manda pure avanti il tuo progetto, sennò attaccati.

that’s life…così è la vita…e così dobbiamo tenercela a quanto pare…

povero mondo

((( p.s. vorrei ricordare/precisare che le borse di studio Erasmus vanno dai 100 ai 250 euro al mese massimi.Ed ogni studente ne ha (avrebbe) diritto, una sola unica volta nella vita e per un massimo di 12 mesi, ma che in realtà sono sempre poi 10 visto che per averla servono motivazioni didattiche, e le vacanze non rientrano in tale motivazioni. E cioè cifre che si possono dire irrisorie, specie se paragonate a come e quanti soldi spende chi fa questi tagli)))



beh dai, ci sono dei bei buchi anche con meno di 20mila persone…



Ecco un modo per far affondare la società civile: tagliare l’istruzione.
Ci vogliono deboli e ignoranti, incapaci di comprendere il mondo e noi stessi.
Complimenti, su queste cose è il nostro governo va fortissimo.



JOe says:

@ Oscar..tipo laives?😛 ho chiesto se mi facevano fare l’erasmus lì, ma niente da fare😦

@ Presidente..già…e quello che mi inquieta di più è che c’è anche tanta gente che apprezza tutto ciò tipo..sì dai fatica in meno a scuola, meno compiti ecc..non è poi male. gh!



qui da noi l’assegno erasmus è troppo misero e l’ateneo non da integrazioni
x cui mia figlia l’erasmus non ha potuto farlo
ed è studente di lingue straniere, sarebbe utile
però non possiamo permettercelo
quindi ciccia



JOe says:

@ Artemisia….sul lato finanziamenti ecc. la situazione italiana fa abbastanza schifo in generale…anche perchè c’è chi strariceve e non si capisce come, e chi meriterebbe/avrebbe bisogno e non riceve…e si capisce ancora meno. Ma questa è un altra storia..
Io per ora me la cavo solo perchè prima lavoravo e quando mi sono licenziata ho ricevuto 3 anni e mezzo di liquidazione. Lavorando i week end e le vacanze e facendo traduzioni per una ditta che opera via internet, sono riuscita a non consumarla ancora tutta. Anche con l’integrazione dell’università…si arriva massimo a 200 euro mensili…che aiutano, ma non sono certo un vero e proprio sostentamento (specie dovendo anche pagare le tasse universitarie qui in italia) L’unica cosa che ha di buono la borsa erasmus è che non esclude le altre borse di studio, al contrario di altre sovvenzioni. Ma è una magra consolazione.
Mi spiace davvero per tua figlia. (altra cosa vergognosa è non spingere le cose che servono a rendere completi gli studi. Per carità…chiunque secondo me dovrebbe poter fare l’erasmus, ma per chi studia lingue straniere dovrebbe essere un obbligo)



Thank you for the auspicious writeup. It really was as soon as a enjoyment account it. Glance complex to far brought agreeable from you! By the way, how can we communicate?



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

et cetera
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: