colLateral Thoughts











{giugno 4, 2010}   lo sciopero del tonno

non è il tonno che è entrato in sciopero…anche se…se potesse sarebbe meglio che lo facesse.

sono io che sto facendo lo sciopero del tonno.
ho deciso di non mangiare più tonno. O se proprio devo, di mangiarlo rarissimamente.
Devo ammettere che talvolta è dura. La “scatoletta salvavita” in certi momenti mi manca ben. Soprattutto in questi giorni che il piano c sta correndo a tutto regime, la tentazione di un pasto proteico e che ti sazia pronto in 2 minuti arriva spesso…. Ma vabeh..alla fin fine era più per abitudine forse. Ci sono un sacco di altri pasti nutrienti pronti in 2 minuti, è che magari uno prima non ci faceva caso. (per non parlare del sushi che adoro…ma anche lì ce n’è tanti di gusti…)

Non sono impazzita. O forse sì….Nel senso che chi me lo fa fare? Di certo il mio “sciopero del tonno” non cambierà molto. …forse addirittura niente….
Non lo so. So che se penso una cosa, mi va di agire di conseguenza per quanto posso.

Qui potete godervi il perchè.

enjoyz



((scusate l’estetica pessima….wordpress continua a non funzionare…ora non ti neanche scegliere i colori ecc..vabeh))

 

 

 

Splende il sole per + di 5 minuti.
I giorni bui a volte ci vogliono,anzi fan proprio bene delle volte, basta che poi passino.
Dunque dopo aver macinato e digerito, meglio buttarla sul ridere.
E come diceva il Giambe “un po’ di sana cattivezza non fa mai male”  *vai Matt, non mollare! * 😉
E’ domenica dunque non si parla di lavoro.
Intanto qualche pillola di saggezza su certe faccende della vita.
Impara l’arte e mettila da parte! 😀 😛
enjoyz.

 

 “sei il mio sole”
– “spero tu sia una medusa”

( non ti guardo male, è che mi fa strano vederti senza trucco….)



dopo l’arrivo del primo caldino il mio animo inizia a scalpitare di nostalgia.
Nostalgia dell’estate.
Nostalgia di tutte le estati passate, che a causa del mio lavoro non si ripeteranno. più.
(o almeno finche non cambio lavoro..sempre se non ne trovo uno peggiore…)
Vabeh! basta che arrivi il caldo e si inizi con qualche grigliatina!

sono a corto di parole in sti giorni.
vi lascio un video
una piccola chicca solo per voi.
enjoy

p.s. non sarei permalosa come sembra nel video, ma quel gavettone mi è costato una congestione con sbochite, il lettore mp3, il cellulare, e 20 euro sciolti dall’acqua…. 😛  (( e poi la gente arrogante e strafottente mi indispone a priori))



C’è questo posto dove in teoria io abito che si chiama Italia, che ormai è un fenomeno.
Cioè si basa sui fenomeni….insomma…a quanto pare cagano solo chi e quel che è un fenomeno.
*lieta di non essere cagata*
Il fenomeno questo il fenomeno quello…
Il fenomeno Grillo, il fenomeno Lost, Il fenomeno Dr House, Il fenomeno cantante (idiota) pincopallino,il fenomeno emergenza rifiuti, il fenomeno Ipod, e chi più ne ha più ne metta…
Come ogni anno, cercano di rifilarci il fenomeno…Grande Fratello…
Non capisco cosa ci sia di fenomenale in un certo numero di entità che rinunciano a qualunque cosa (sport,hobby,famiglia…birra!) solo per stare sotto delle telecamere chiusi in una gabbietta…
Già a volte guardo il “fenomeno Shiver“, qui a casa mia e mi viene l’angoscia. Non mi sembra se la passi troppo bene, preferirebbe le praterie…ma d’altronde lui non aveva scelta, l’alternativa era lo stomaco di un serpente. (e poi le praterie non le ha mai conosciute…sennò magari aveva già scelto il serpente..)
In effeti no..avrebbe senso in senso letterale..alla fin fine fenomeno dal greco vuol dire ciò che si manifesta ed è dunque osservabile. Solo che dopo qualche migliaio di anni, si usa per definire qualcosa di osservabile MA speciale. vabeh.
Allora c’è questa casa con queste persone patetiche dentro che non hanno niente da dire e da dare, che sbagliano i congiuntivi e le parole più banali (scusa Roberto..spero non ti suiciderai se ti svelo che la parola “esaudiente” in realtà non esiste) e poi c’è questa Lina che siccome è stata espansiva-manolesta in diretta tv con Roberto (= gli ha fatto un paio di raspe) la vogliono radiare dall’ordine dei medici e si fa polemica perchè chissà se è giusto o no, alla fine ognuno dovrebbe essere libero di fare le raspe a chi vuole. E io me ne frego delle raspe, e mi chiedo….una che non distingue un naso rotto da una banale botta come cavolo ha fatto ad entrare nell’ordine dei medici?
In questi giorni di infortunio, in cui i dolori mi costringono a stare sveglia la notte, mi riduco a vederne di tutti i colori alla tv pur di passare il tempo.
Rimpiango “i bei tempi andati”. I miei tempi. Quando si guardava “bim bum bam” e i puffi, e di notte c’erano le repliche dei telefilm più strafighi tipo Fonzie e Startsky&Hutch e Mork&Mindy, e Vicky il robot e compagnia bella. Ai reality non ci si pensava, e non si era costretti a vedere Maurizio Costanzo o Maria de Filippi su ogni canale ad ogni ora.
Ecco…finite le menate di Lina…iniziano la squadra dei blu e quella dei bianchi della scuola di Amici a litigare per chi canta o balla meglio, con tanto di professori al seguito che si insultano a vicenda.
Questo fa audience.
Ai miei tempi si aveva rispetto per i professori. Si aveva quasi paura, o almeno soggezzione. E loro pensavano solo ad insegnarti quel che dovevano. Non pensavano a parlare di menate inutili tipo se la tua caviglia è grossa o fina ecc.

Ai miei tempi se non dormivi invece di guardare la tv leggevi un sacco di libri.
Il piccolo principe, Oliver Twist,Pinocchio, alice nel paese delle meraviglie, Il Giovane Holden, Il vecchio e il mare, Moby Dick, L’isola del tesoro, Matilde, Due di due, Dracula, Madame Bovary, Siddharta, Il lupo della steppa, lo straniero….
*Sì…sarà meglio che mi sbrighi ad andare dall’oculista…*

Cmq…cara Italia dei fenomeni….te lo do io il grande fratello!
Guarda e impara!
Considero questo fantastico cartone animato (per adulti) oltre ad un prodotto acuto ed esilarante, un elemento indispensabile della propria cultura generale. (quanti dentro ad Amici o GF sapranno chi era Betty Boop? e Foxy Love o StrawberryCake..non gli ricorderà nessuno..)
Un piccolo assagino per voi, con il consiglio/augurio di procurarvi il resto ((per chi è nei dintorni basta un fischio qui))

((visione consentita solo (maggiorenni) a chi ha letto almeno 5 dei libri sopra citati o simili 😛 ))
aggiornamento postumo:
Sti bauchi di Yuoutube mi hanno cancellato il video. qui si possono vedere un po’ di episodi, però in inglese. Sennò basta il caro Muletto e si trovano 😉


bd1103-buona-pasqua-1206092036.jpg



Come avrete visto ultimamente mi sono data un po’ alla danza della latitanza, ma di questo forse scriverò più avanti.
Per ora penso il mio silenzio meriti un break. Pane al pane e vino al vino. quando c’è lo stile mi piace riconoscerlo.
Come diceva mio nonno “non è cosa fai, ma come lo fai a fare la differenza.”

Come saprete ho partecipato al contest fotografico WinterSlice.
L’ho fatto per puro divertimento e passatempo senza pretese, come quasi sempre faccio ogni cosa. Però i
ghiotti premi in palio, devo ammetere che mi avevano dato qualche motivazione in più…se non quasi qualche nota di competitività.

Mai avrei sperato nei premi giuria (riconosco i miei limiti….e ancor di più li sbandiero davanti a fotografi professionisti), e infatti non ne ho vinto nessuno.
Però è andata a finire che mi sono classificata prima a
parimerito per la foto che ha ricevuto più voti dai lettori.
Se mi fossi autovotata, come altri hanno fatto, avrei vinto.
Se non avessi votato la mia “rivale” (chi non fa un minimo 2+2 in una situazione simile?…io) avrei vinto.
Per decidere il vincitore alla fine era stato deciso un
ballottaggio anonimo tipo estrazione a sorte.al quale sono seguite non poche polemiche dai miei fan, e penso anche dagli altri visti i commenti * se ti dicono di votare “busta a” o “busta b” che cavolo voti il nome della tua foto preferita? non sai leggere le istruzioni?io penso di sì*
Il mio primo pensiero di urtamento sinceramente è stato “fanculo alla sportività, la prossima volta mi auto-voto anch’io” e poi “che cazzo c’entra un’estrazione con un contest fotografico??Allora fai una lotteria”

Ma alla fine arrivò lo sponsor, che ha deciso di dare a tutte e due i premi.
Niente estrazioni, niente ballottaggi.
Non si sa se il premio sarà uguale al previsto e doppio, o diverso. Ma non importa.
I Signori della
Compagnia Del Cavatappi sono stilosi punto e basta. E mi sembra giusto spezzare una lancia in loro favore.
Così si fa! Bravi! alleluja, in questo povero mondo esiste ancora della gente che possiede un po’ di stile.
Non è fare lo sponsoro che fa la differenza, ma come lo si fa.

Inoltre mi son fatta un giretto sul loro sito, e mi sa che presto farò un po’ di shopping. Ma questa è un’altra storia.

Intanto colgo l’occasione per ringraziare anche Andrea che ha organizzato il contest, un santo che riesce a stare dietro a tutto e tutti e a gestire le situazioni più impensabili, nonchè tutti quelli che hanno votato le mie foto…
…grazie! tutti a CasaJoe per gustare il prelibato premio, qualuqnue sia! 🙂

enjoy and take care.



cortomaltpensa.jpg

 Qua mi sembra di essere tornata a scuola…
Le vacanze stanno per finire ed ho un sacco di compitini arretrati.
Iniziamo dal
Thinking Blogger Award .
E’ una specie di meme ma non è inutile come un meme. Se vi leggete il post da cui è partito ha un senso.
Il punto è : Too many blogs, not enough thoughts!

Ecco le regole. Poche e semplici :

° 5 blogs that make me think = nomina 5 blogs che ti fanno pensare.
° partecipare solo se sei stato nominato.
° lasciare un link al
post originario
° inserire nel tuo post il logo del Thinking Blogger Award.

Intanto ringrazio la Xeena (e Oscar), per la nomination *onorata e arrosita* quindi ovviamente non potrò nominarli ma va ben così. Preferisco nominare blog più “sconosciuti” o al di fuori dei soliti giri in comune. Proprio perchè mi piace come scrivono ecc. E poi il senso di ste cose magari è anche scoprire blog nuovi, se ci si nomina sempre tra noi tanto vale mettersi a fare il girotondo e stop.

Allora ecco le mie nomination:

thinkingbloggerpf8.jpg

1) Il primo posto dico che se lo merita in pieno il Bar Sport e la sua combriccola. Scoperto quasi per caso, dopo il dileguamento del Matt, ora riapparso qui in compagnia. Mi piace un sacco come scrivono e quello che scrivono. A volte il mio pensiero quando li leggo è “ecco è questo che avevo in testa! Se non fosse che non son buona a comunicare, avrei scritto proprio questo”. E’ proprio un blog che “makes me think” bei contenuti e bel modo di trattare le cose. braf braf.

2) Poi ci metto Gift Zwerg. Blog scoperto da poco ma troppo forte. Anche quando affronta temi “pesanti”, e seppur ti faccia pensare, ti lascia sempre un sorriso.

3) Dorian River, seppur ci trovo le parole quando non mi vien come dire qualcosa, scrive così bene che mi lascia senza parole.

4) Non può mancare Finferflu – il diario di un capitano senza ciurma – già il titolo dice tutto. E poi mi ha fatto scoprire Jamendo 😉

5) Paolo&Chiaro. Sono troppo forti, troppo spiritose. Hanno le palle proprio di scrivere quel che gli pare, provocare, scherzare, deridere, ma sempre con testa e un senso in fondo. Anche se mi sbellico dalle risa, mi fan sempre pensare anche loro.

enjoy & rock on
😛



hpim1051.jpg

 E’ successo che il quotidiano locale Alto Adige ha indetto l’elezione del bolzanino dell’anno. Da una lista di nomi si poteva votare, ma se ne potevano anche suggerire altri.
E’ successo che io sono abbastanza alienata e non bado molto a queste cose, ma
Oscar casualmente in radio mi ha fatto riflettere a riguardo.
E’ successo che mi sono unita a Oscar per proprorre e sotenere
Mario come bolzanino dell’anno.
Sinceramente inizialmente a tutta la faccenda, in tipico stile Joe…, non avevo dato molto peso quasi ignorandola….più o meno trattandola al pari di un volantino delle tante infinite offerte natalizie che scorri velocemente e poi cestini, di un qualunque supermercato (il quotidiano alto Adige in fondo per me è circa questo)

Ma d’altronde come si dice bisonga iniziare dal proprio piccolo (anche perchè qui non è che ci sia molta scelta…in fatto di quotidiani come in fatto di molte altre cose), e dopo che oggi mi sono vista citata sul giornale proprio per questa faccenda…

IO SOSTENGO MARIO E SPERO CHE SIA MESSO TRA I VOTABILI! E SOSTENIAMOLO!


Una persona che ha amato e ama Bolzano, una persona che mettendosi in gioco ha fatto uscire Bolzano dall’ombra dei monti che la circondano, un grande artista (stuccatore veneziano…e vi auguro di poter restare anche voi senza fiato davanti a certe sue opere) che ha dato colore alla città dando il suo contributo artistico a molti locali,
L’unico, da quando io abbia memoria, che ha fatto parlare così a lungo di Bolzano senza tirare in ballo le menate etnico-linguistiche del cavolo di questa cavolo di città.Una persona buona e sensibile ma forte, che ha avuto i coglioni di fare quello che credeva fino in fondo…Pagandone le conseguenze dall’inizio alla fine ma senza mai fermarsi, anche se forse non aveva idea di cosa lo aspetasse all’arrivo e al ritono e neanche alla partenza…Un bel giorno ha preso un bellissimo carretto votivo, costrutito da lui, e si è incamminato da Bolzano per arrivare fino a Roma. Io(in qualità di reporter) ho avuto la fortuna di raggiungerlo e accompagnarlo per qualche giorno…e ancora oggi non ho le parole per descrivere una tale avventura…

Se ne è parlato in mille modi e toni,sui giornali e in tivù, ma la verità la sa solo lui del perchè e per come abbia fatto questa cosa.
Forse non la dirà mai a nessuno, perchè l’importante è solo portare una cosa alla fine quando la si inizia, perchè se ne é convinti e ci si crede.Questa è la vita.

Così lui ha percorso tutti quei chilometri,pianure e montagne, strade statali a pelo dei camion tirando un carretto tecnicamente molto poco funzionale, sotto il solleone o sotto la pioggia e dormendo sotto le stelle (o sotto la pioggia)

Insomma si è fatto un culo tanto.

Così come fa la gente comune, che sarebbe la maggiorparte della popolazione di Bolzano e di qualuqnue altra città…Che si deve fare un culo tanto ogni giorno, nel bene e nel male….Che non può bullarsi sapendo che tanto ha il culo parato e i milioni in banca…come tanti altri che sono già in lizza per il titolo…

Per questo, Mario Balducci, secondo me deve essere il bolzanino dell’anno.

E credo, anche secondo voi…a meno che non siate storditi…
Andate qui se lo troate votatelo. Se non lo trovate potete supportarlo qui scrivendo un commento.
Per una volta è semplice (e ha un senso).

*vai “zioooo”!!! sei il migliore!*

E se volete intanto gustatevi un po’ di belle foto qui e qui e qui e qui e qui e qui in giro

rock on and enjoy



{dicembre 7, 2007}   …daffodil…non suona male

tanto per rimepire un po’ di tempo e spazio, mi sto dando ai “mini-post” inutili. Gli unici alla mia portata a livello pratico.
Sempre passando da heraclitus, ho potuto scoprire
Che fiore sono.

 I am a
Daffodil
 

What Flower
Are You?

 

You are a daffodil:
You have a sunny disposition and are normally one of the first to show up for the party. You don’t need too much attention from the host once you get there as you are more than capable of making yourself seen and heard.

Speravo di essere un bel luppolo 😛 ma anche daffodil non suona male.



Anche se sono stata silente causa mio infortunio, belli miei vi ho osservati e letti.
Ecco qui che oggi passo da Andrea e mi si illuminano gli occhietti alla vista di…

prosciutto2.jpg

 

..questa cosa meravigliosa che con un po’ di fortuna potrebbe diventare mia….o vostra.
La Compagnia Del Cavatappi (che gentilmente sponsorizza anche il contest WinterSlice di Andrea) ha organizzato questo contest, a cui è molto semplice partecipare. e Il premio è un prosciutto di 10kg circa!!!! woooow!
Viste le sfortunelle che ho avuto ultimamente…potrebbe essere l’occasione buona per la mia fortuna di farsi perdonare. eheh.
Ringrazio La Compagnia Del Cavatappi, che tra l’altro cmq vada, io mi farei un giro sul sito che a me non dispiace affatto e inoltre in questo periodo può essere un buon aiuto per le feste imminenti.
Finalmente nel mio periodo di infortunata immobilina c’è un contest e un post alla mia portata.
A voi non fa gola questo bel prosciuttello? basta che scrivete un post dedicato e scegliete un numero qui da 1 a 90. il primo estratto sulla ruota nazionale nell’estrazione del 5 gennaio, vince.
Semplice no?

Confido nella mia fortuna e sennò, per gustare certe delizie, non mi resta che sbrigarmi a guarire e poter scattare la miglior foto per il WinterSlice. hihihi

enjoyz & rock on

😉



et cetera