colLateral Thoughts











In questa mia ormai risaputa momentanea(speriamo) alienazione dal web e anche un po’ dalla vita reale, mi son persa via a sperimentare opere con windows movie maker. *mi compiaccio*
La mia ultima creazione ve la posto poi qui se youtube si da una smossa entro quando finisco il post, sennò la aggiungerò poi domani.

Vista la frase riccorrente che mi sento dire, anzi direi le frasi ricorrenti visto che sono sempre + spesso 2 quelle che tutti mi dicono (“joe, quanto tempo sei ancora viva?ma non esci mai?” / “joe…joe!!..ma tiri dritto senza salutare…”
Beh avete ragione e mi scuso. Cmq in entrambi i casi non è che me la tiro. a parte che semmai datevi un ripasso al post precedente…il mio umore non è molto troppo socievole ecc..ma mica x colpa vostra, è tutta una roba mia visceral-esistenzial-psycho-alien-fisica. Poi al lavoro ci stanno proprio spremendo, tipo che arrivo a casa e mi addormento.
E poi non ci vedo belli miei. se tiro dritto è perchè non vi ho visti.
Sì sì..dicono tutti così…ok allora vediamo..non riesco a leggere neanche il televideo (da una tv32″..), non riconosco nemmeno i parenti se sono dall’altro lato della strada (ops…visti molti miei parenti…questo potrei farlo apposta..meglio trovare un altro esempio 😛 ), al lavoro dico i prezzi sbagliati perchè non vedo bene cosa mi compare sullo schermo. Ok? non ci vedo!
Ma voi continuate a dirmi queste cose, che mi servono eh!

d’unque all’opera. Un sacco di robe da fare. Se proprio vi manco e non mi trovate ai soliti baracci, ecco dove potrei essere. (se mi trovate in giro nel tragitto tra uno e l’altro, fate luci e suoni perchè non ci vedo, altrimenti rassegnatevi che tirerò dritto)
Al lavoro,
Dall’oculista,
Al lavoro a tirar giù santi,
Dal dentista (..sì mi ci vuole anche il dentista…)
Al lavoro a insultare il capo fondatore che viene sempre a fare il viscido struscione.
Al posto dove fanno i prelievi del sangue (..sì..mi ci vogliono pure gli esami del sangue..)
Al lavoro a soportare la danza dell’arroganza dopo aver rinunciato anche a tirar giù i santi.
A casa a trafficare con windows movie maker,
Al lavoro a fissare il vuoto (tanto non ci vedo, anche se fisso altro..)
A fare visite per la spalla dell’infortunio (…sì..ancora sempre quella spalla..)
A rimuginare sul mio piano C ….Sì il piano C se viene bene è una figata…ma per scaramanzia non dico ancora niente. Chi virà vedrà. Cmq il succo è così…ve lo metto in musica che è + semplice.
Mi ascoltavo sta canzone dei Negrita (tanto per cambiare), e un pezzo fa così “Tu meritavi di più, ma adesso shock! Al rientro da uno spot… abiti dentro a una favela. Finita l’Era di Helldorado, nel piano B tu non sei convocato..” e mi sono “illuminata” ecco sì…il Piano A, che è quello attualmente in corso mi fa decisamente schifo a dir poco, e ovvio che meritavo di più.Tutti meritano di più. Nel Piano B non son convocata, e la cosa non mi meraviglia neanke. Dunque…mi tocca inventarmi il Piano C e tiè.

intanto ecco, youtube ha finito, fatevi un giretto in Andalucia.



Continua il periodo “senza parole”.
A dire il vero di parole da buttar giù ne avrei molte…tra pensieri/songi visionari/episodi assurdi o esilaranti di vita quotidiana e un sacco di altre cose…
E’ che non trovo il modo di buttarli giù.

Per intanto, mi faccio carico delle “lamentele”/richieste chiare e tonde o anche solo pensate, di alcuni lettori. E li faccio contenti.
Sì..qui su brividocosmico ascoltiamo veramente i nostri utenti.
Quindi ecco qua…e tanto per cambiare restiamo in tema…primavera,caldo,grligliate ecc.
Questa foto è stata scattata 2 anni fa..quando a pasquetta faceva un bel clima e si è potuta fare la prima grigliata della stagione. (anke l’anno scorso è stato così, ma le foto non soddisfavano lo scopo) 😛

Per tutti quelli che volevano vedere almeno una tetta…
Ecco a voi lo spettacolo…o quasi…(..scusate..ma finche sto con un certo ragazzo non posso fare di più…è giusto poco ipergeloso, controllore, protettivo, possesisivo, aggressivo, bla bla)
c’è chi dice che basta il pensiero…
..e poi prima di dare il meglio, meglio controllare se wordpress mi lascia finalmente caricare davvero foto o mi illude e basta 😛
enjoy

 

 



E’ la terza volta che riscrivo questo post che doveva essere un altro.
Ok…il mio stato di ebbrezza mi ha impedito ogni volta di ricordarmi in tempo di fare “seleziona tutto e copia, che non si sa mai, così in caso basta fare incolla”
Adesso non ho più voglia di ricordarmi cosa volevo scrivere e come.
…ma il punto è che sul mio blog non avrei…non avevo bisogno di fare tutto questo!!!
Non facevo aggiungi tag+ salva+ pubblica, ma poi spariva tutto in ogni caso e senza sapere perchè. *..cioè..le parole stesse salva e pubblica dovrebbero lasciare intuire che non dovrebbe sparire tutto così nel nulla…*    ((** Bastian!!Atreiu!! aiuto…il nulla ci sta invadendo!**))
Non provavo 3 volte a caricare una foto, e ancora non funziona!…anzi…non è che non funziona..ti prende proprio per il culo!…fai tutti i passaggi dopo aver risolto i vari quiz intelletivi per riuscirci, e una volta clicckato “inserisci nell’articolo” ti fa tutto bianco…te provi ad aspettare tipo mezzora ma resta sempre tutto bianco…
Ma che ooooohhhh!!
Veci…già ci avevate messo tutta l’anima a convincermi a usare wordpress quando ancora funzionava…ora inizio a pensare se sia meglio traslocare al più presto…

Peggio per voi…il post che avrei scritto era proprio una figata..per non parlare della foto…
Cazzi vostri. leggettevi questo sclero sbelinato e amen.
E abbaso wordpress e chi lo usa. me compresa.
Ciao ciao a quando mi tornerà la voglia di scrivere un post…cioè forse mai…



Come avrete visto ultimamente mi sono data un po’ alla danza della latitanza, ma di questo forse scriverò più avanti.
Per ora penso il mio silenzio meriti un break. Pane al pane e vino al vino. quando c’è lo stile mi piace riconoscerlo.
Come diceva mio nonno “non è cosa fai, ma come lo fai a fare la differenza.”

Come saprete ho partecipato al contest fotografico WinterSlice.
L’ho fatto per puro divertimento e passatempo senza pretese, come quasi sempre faccio ogni cosa. Però i
ghiotti premi in palio, devo ammetere che mi avevano dato qualche motivazione in più…se non quasi qualche nota di competitività.

Mai avrei sperato nei premi giuria (riconosco i miei limiti….e ancor di più li sbandiero davanti a fotografi professionisti), e infatti non ne ho vinto nessuno.
Però è andata a finire che mi sono classificata prima a
parimerito per la foto che ha ricevuto più voti dai lettori.
Se mi fossi autovotata, come altri hanno fatto, avrei vinto.
Se non avessi votato la mia “rivale” (chi non fa un minimo 2+2 in una situazione simile?…io) avrei vinto.
Per decidere il vincitore alla fine era stato deciso un
ballottaggio anonimo tipo estrazione a sorte.al quale sono seguite non poche polemiche dai miei fan, e penso anche dagli altri visti i commenti * se ti dicono di votare “busta a” o “busta b” che cavolo voti il nome della tua foto preferita? non sai leggere le istruzioni?io penso di sì*
Il mio primo pensiero di urtamento sinceramente è stato “fanculo alla sportività, la prossima volta mi auto-voto anch’io” e poi “che cazzo c’entra un’estrazione con un contest fotografico??Allora fai una lotteria”

Ma alla fine arrivò lo sponsor, che ha deciso di dare a tutte e due i premi.
Niente estrazioni, niente ballottaggi.
Non si sa se il premio sarà uguale al previsto e doppio, o diverso. Ma non importa.
I Signori della
Compagnia Del Cavatappi sono stilosi punto e basta. E mi sembra giusto spezzare una lancia in loro favore.
Così si fa! Bravi! alleluja, in questo povero mondo esiste ancora della gente che possiede un po’ di stile.
Non è fare lo sponsoro che fa la differenza, ma come lo si fa.

Inoltre mi son fatta un giretto sul loro sito, e mi sa che presto farò un po’ di shopping. Ma questa è un’altra storia.

Intanto colgo l’occasione per ringraziare anche Andrea che ha organizzato il contest, un santo che riesce a stare dietro a tutto e tutti e a gestire le situazioni più impensabili, nonchè tutti quelli che hanno votato le mie foto…
…grazie! tutti a CasaJoe per gustare il prelibato premio, qualuqnue sia! 🙂

enjoy and take care.



winter_slice300ban.jpg

E questa volta, seppur sempre verso le ultime ore, sono stata puntuale.
E’ ora del
winter slice contest.
Inverno a tutta birra, almeno su internet. Perchè qui la situazione meteo lascia alquanto a desiderare.
Avendo inoltre
“perso” la mia macchina fotografica, ho dovuto rovistare nei miei archivi.
Spero di aver rovistato bene.
Vi lascio intanto le mie foto. Le altre le potete vedere sull’apposita
gallery.
E se stesse passando di qua, qualche ritardatario ispirato, può leggersi
il regolamento e partecipare entro la mezzanotte di oggi.
Tenete d’occhio il blog di
Andrea, organizzatore del contest, così se si va potete anche votare e aiutare il vostro autore preferito a vincere i prelibati premi messi gentilmente in palio dalla compagnia del cavatappi
enjoyz 8)

tutti-pronti-per-la-neve-mini.jpg
tutti pronti per la neve

il-guardiano-della-neve-mini.jpg
il guardiano della neve

ero-un-fiume-mini.jpg
ero un fiume

aspettando-la-primavera-mini.jpg
aspettando la primavera



Qualcuno diceva: “l’idiota cade sulla schiena e si graffia il naso”
In questi giorni mi sento molto un po’ idiota. (sto ancora cercando la mia borsa..anzi ci ho rinunciato)
E sto giro, invece che sulla schiena, sono caduta….sul dorso. 😀

Le poesie dorsali……Avevo scattato le foto ecc.
Poi tra che stavo male col braccio…tra che non mi ero prorio accorta che la faccenda si era trasformata in un
contest
Forse ho perso il treno.
Ma come detto non mi importa. Le lascio volentieri ai posteri anche se forse non sarò votabile.
In attesa dei posteri, le lascio a voi. (insieme alle mie scuse per
Mauro….mi sa che nella fretta ho mandato vie email le foto “sbagliate”, cioè quelle non ridimensionate…..scusa!) 😛

ecco qua sotto le mie poesie-dorsali, generate dall’assembamento in “gruppi sensati” dei libri che ho letto (o riletto) in questi giorni di infermità.
Vi consiglio poi, di farvi cmq un giro sulla
gallery del contest. Ci sono cose carine. se poi volete, votate qui
enjoy.

dorsali4.jpg

Stupore e tremori:
Il corpo sa tutto.
…Mi piaci da morire…
*vorrei che fosse lei*

dorsali3.jpg

Le ricette della mamma per studenti e altri single:
Via da casa, corri fiero..vivi libero.
Senza mai fermarsi.

dorsali2.jpg

 Alice: i giorni della droga.
Facciamo un gioco?
Vacanze contromano, gita al faro.
Tutte le strade dall’Avana portano al mare.

dorsale1.jpg

 Tre ragazzi immaginari:
Matilda, Il Piccolo Principe, Paddy Clarke ah ah ah!
sul Gringo Trail



hpim1051.jpg

 E’ successo che il quotidiano locale Alto Adige ha indetto l’elezione del bolzanino dell’anno. Da una lista di nomi si poteva votare, ma se ne potevano anche suggerire altri.
E’ successo che io sono abbastanza alienata e non bado molto a queste cose, ma
Oscar casualmente in radio mi ha fatto riflettere a riguardo.
E’ successo che mi sono unita a Oscar per proprorre e sotenere
Mario come bolzanino dell’anno.
Sinceramente inizialmente a tutta la faccenda, in tipico stile Joe…, non avevo dato molto peso quasi ignorandola….più o meno trattandola al pari di un volantino delle tante infinite offerte natalizie che scorri velocemente e poi cestini, di un qualunque supermercato (il quotidiano alto Adige in fondo per me è circa questo)

Ma d’altronde come si dice bisonga iniziare dal proprio piccolo (anche perchè qui non è che ci sia molta scelta…in fatto di quotidiani come in fatto di molte altre cose), e dopo che oggi mi sono vista citata sul giornale proprio per questa faccenda…

IO SOSTENGO MARIO E SPERO CHE SIA MESSO TRA I VOTABILI! E SOSTENIAMOLO!


Una persona che ha amato e ama Bolzano, una persona che mettendosi in gioco ha fatto uscire Bolzano dall’ombra dei monti che la circondano, un grande artista (stuccatore veneziano…e vi auguro di poter restare anche voi senza fiato davanti a certe sue opere) che ha dato colore alla città dando il suo contributo artistico a molti locali,
L’unico, da quando io abbia memoria, che ha fatto parlare così a lungo di Bolzano senza tirare in ballo le menate etnico-linguistiche del cavolo di questa cavolo di città.Una persona buona e sensibile ma forte, che ha avuto i coglioni di fare quello che credeva fino in fondo…Pagandone le conseguenze dall’inizio alla fine ma senza mai fermarsi, anche se forse non aveva idea di cosa lo aspetasse all’arrivo e al ritono e neanche alla partenza…Un bel giorno ha preso un bellissimo carretto votivo, costrutito da lui, e si è incamminato da Bolzano per arrivare fino a Roma. Io(in qualità di reporter) ho avuto la fortuna di raggiungerlo e accompagnarlo per qualche giorno…e ancora oggi non ho le parole per descrivere una tale avventura…

Se ne è parlato in mille modi e toni,sui giornali e in tivù, ma la verità la sa solo lui del perchè e per come abbia fatto questa cosa.
Forse non la dirà mai a nessuno, perchè l’importante è solo portare una cosa alla fine quando la si inizia, perchè se ne é convinti e ci si crede.Questa è la vita.

Così lui ha percorso tutti quei chilometri,pianure e montagne, strade statali a pelo dei camion tirando un carretto tecnicamente molto poco funzionale, sotto il solleone o sotto la pioggia e dormendo sotto le stelle (o sotto la pioggia)

Insomma si è fatto un culo tanto.

Così come fa la gente comune, che sarebbe la maggiorparte della popolazione di Bolzano e di qualuqnue altra città…Che si deve fare un culo tanto ogni giorno, nel bene e nel male….Che non può bullarsi sapendo che tanto ha il culo parato e i milioni in banca…come tanti altri che sono già in lizza per il titolo…

Per questo, Mario Balducci, secondo me deve essere il bolzanino dell’anno.

E credo, anche secondo voi…a meno che non siate storditi…
Andate qui se lo troate votatelo. Se non lo trovate potete supportarlo qui scrivendo un commento.
Per una volta è semplice (e ha un senso).

*vai “zioooo”!!! sei il migliore!*

E se volete intanto gustatevi un po’ di belle foto qui e qui e qui e qui e qui e qui in giro

rock on and enjoy



{ottobre 24, 2007}   ti elimino di brutto

Eccoqua,
alla fine mi dicono che sono stata eliminata dal
concorso delle foto brutte del dott. paolo bitta, perchè ho linkato un album e non le singole foto. Questo non c’era scritto nelle regole quindi io non ci avevo proprio fatto caso. Un’altra volta imparo a non muovermi prima e a non leggere tutti i 116 commenti del post. (e magari voialtri imparate a scrivere le regole come si deve).

Cmq poco importa, non avrei cmq vinto ne sono certa. E mi ci ero messa tanto per fare. Più che altro volevo cogliere l’occasione per sbandierare un certo mio stress che ultimamente mi assillava, e soprattutto rivelare i motivi della mia “cattiveria”, a chi mi solleva obiezioni sui miei metodi, riassumibili in : ti elimino di brutto.

Tutte le foto brutte tranne una sono state scattate a casa mia.

Ora non voglio dilungarmi sulle vicende di Casa JOe, magari un’altra volta.

Vi presento…il mio inquilino…è un tipo discreto, non lo incontri quasi mai faccia a faccia. Ma la sua presenza in casa lascia sempre una traccia…

dscn0078.jpg  cicche.jpg   dscn0075.jpg    dscn0076.jpg

 dscn0081.jpg    dscn0087.jpg    dscn0091.jpg

scusate..forza dell’abitudine…volevo dire EX INQUILINO *ma sììì ma vàààiii*

😛 8)



come sempre mi prendo all’ultimo momento (scadenza fra mezz’ora), ma alla fine ce l’ho fatta anche con il contest dell’isola dei feaci, sulla mimesi dell’arte.
Causa tempo scarso e altre menate, non mi son impegnata più di tanto, ma qualcosina ho mandato.
Cmq vada è stato fortissimo e secondo me è il contest più originale e divertente che ci sia stato finora. braf braf!
Intanto eccovi le foto che sono riuscita a mandare, vi consiglio cmq di visitare la galleria del contest, ce ne sono di molto carine.

enjoy 🙂

maree-basse-a-pourville-riferimento.jpgbassa-marea.jpg

la-creazione-riferimento.jpg

la-creazione-in-cucina.jpg



Eheh.. bella lì,

ormai l’estate è finita e lo dice anche il calendario.
Si tirano le somme.
Anche quest’anno hai fallito la prova costume, hai passato 3 mesi in apnea (così non sembra che collassi su te stesso ma hai solo un po’ di Bierbauchele), e le poche volte che ti sei cimentato in un torneo di beach volley (o lido volley) , calcetti vari e simili ti hanno dovuto portare via in barella oppure hai salvato la faccia sul momento e poi sei rimasto bloccato a letto per 3 giorni.
A parte i fattori estetici e sociali, uno dice ci sta anche la salute.
Così inizi l’autunno pieno di buoni propositi “ah..ma quest’anno mi prendo per tempo, mi iscrivo subito e mi metto d’impegno ecc” e qualche senso di colpa per gli arretrati e simili (ricordi quando correvi su per le scale? e quando portavi la spesa e non ti veniva il fiatone?).
Poi tanto lo sappiamo tutti come va a finire…pub e divano.

Ma da oggi gente, cambia la musica. Se sei residente nella ridente cittadina di Bolzano, l’Autonome Provinz Bozen e i suoi vari uffici hanno pensato a te. Si proprio a te! Mediashopping e l’americana isterica ci fanno un baffo.
Basta stare rinchiusi in bellissime palestre super attrezzate! basta subire le tirannie dei trainers o dell’allenatore! Basta anche portare la palestra a casa tua…Da oggi Bolzano porta la palestra direttamente nella tua vita quotidiana!

Ad esempio, se hai perso il libretto sanitario e ti rechi nell’apposito ufficio…scoprirai che non esiste più. Ci sono cmq dei tizi dell’azienda sanitaria, ma fanno altre cose. E nessuno di loro sa dove sia finito l’ufficio che era lì una volta. Oppure ti mandano in un posto da cui ti mandano in un altro posto da cui ti mandano in un altro posto…… Ecco che in una mattinata sarai pronto per la maratona di new york.

Ma questo è solo il riscaldamento.Ora che hai preso il giusto ritmo a suon di kilometri macinati, puoi passare al livello successivo  *upgrade gained! you are the winner!*

Ora puoi recarti a fare la carta didentità nuova (tipo la joe oggi)

Per fare la carta d’identità devi andare all’anagrafe.
A Bolzen, l’anagrafe è l’unico ufficio che non partecipa alla giornata del cittadino (= un giorno a settimana gli uffici fanno orario continuato) ma d’altronde l’anagrafe, al contrario degli uffici citati sopra, sai dov’è. è sempre lì.. è già anche troppo no?un bonus mica da poco. Poi sono troppo bbuoni, perchè chiudono pure alle una.

Allora c’è questo povero comune mortale (tipo la joe) che alle 12 e qualcosa esce dal lavoro e corre all’anagrafe.
il portone pesa 120 chili così dopo averci dato dentro con le gambe rinforzi anche le braccia.
Ti lanci verso la macchinetta delle foto….costa 3 euro, accetta solo monete e non da resto…
Vai dall’omino-portinaio (che già ti guarda dal suo gabbiotto *mondo ingiusto il suo gabbiotto è + grande del mio ufficio!* con la faccia di astio e tipo “ti sembra questa l’ora di arrivare? ormai è ora di chiusura!” (ma se sono le 12 e 27..bah) e gli chiedi se gentilmente ti può cambiare 5euri in moneta. E lui “eh no. ma per chi mi hai preso?”
E qui c’è l’allenamento psicologico perchè mente e corpo dicono che vanno via insieme. *stai calma, respira…le chiavi di casa non sono un arma…respira e stai calma*
Allora corri fuori (affronta di nuovo i 120 kili di porta) e…ovvio i negozi sono kiusi a quell’ora, e di bar niente a vista. allora vai a caso ovunque, veloce e trova qualcosa di aperto per cambiare i soldi. Ma al bar non hanno + moneta, allora vai al tabakkino di fianco ke ha la fila da 100 anni e allora corri fino all’altro bar e finalmente te ne esci col metallo.
Rifai tutta la strada al contrario. Sempre in velocità perchè quell’omino sai mai che ti chiuda fuori così per sport.
La foto….
Entra nella macchinetta-cabina… consigliato un po’ di stretching e preparazione al contorsionismo, non so se sono cresciuta io o hanno ristretto le macchinette….ma vabeh.. *allora mio papà che è il doppio di me come fa? e come faceva?*
Inserisci le monete, prendi posizione e….
Noterai che nella foto non ci sarà metà della tua faccia (dal naso in giù). sei troppo basso e sparisci un pezzo.
Però non puoi + regolare l’altezza dello sgabello come ai bei tempi andati..ora è fisso fisso fisso (ovviamente ci arrivi dopo aver smadonnato e girato e tirato e smanato invano per un bel po..*potreste togliere il cartello con la freccia e scritta “regolare altezza” vabeh*
Dunque perchè la tua faccia risulti tutta intera attivi il cervello e ti ricordi dei tempi del liceo quando ti mettevano in punizione “posa seduta” cioè in piedi ma in posizione da seduti con schiena appoggiata al muro.
In effetti funziona…però la vocina dopo che hai schiacciato il bottone dice “non muovetevi” ma poi la foto non parte m….click! …occhi chiusi…ma che cchacolo…”se non sei soddisfatto premi pulsante “posa” entro 15 secondi” attimi di panico….ma dove cazzo è il pulsante posa??ah eccolo! schiacci..non muovetevi….e….oh?…ma….click!….vabeh ho gli occhi aperti almeno.
Fai il contorsionismo al contrario (non è facile dopo essere stati in “posa seduta” per tutto quel tempo e pure fingendo una faccia spontanea) recupera le foto, e corri su allo sportello.
Poi affronta la fila e l’omino dello sportello, ma questo fa già parte del defaticamento e della meditazione *o ti proietti in una dimensione parallela o gli spari…ma se gli spari poi non ti fa la carta d’identità nuova…*

Vabeh…oggi per la modica cifra di 5,14 euri ho fatto stretching e contorsionismo, ho corso per qualche kilometro, ho fatto sollevamento pesi, il gioco delle belle statuine, un po’ di step, ho imparato a meditare e raggiungere stadi di calma superiore, e ho pure fatto dieta che alla fine di tutto non avevo tempo nè voglia di pranzare. E alla fine ho anche una carta d’identità nuova.
Grazie città mia, che efficienza come fare senza di te?

 😛

rock on



et cetera