colLateral Thoughts











 

Ecco..io lo dicevo…
E alla fine avevo ragione.
Non è ancora finita tutta la faccenda, cmq per intanto..
Mi sono beccata il 6% di invelidità per il mio
infortunio.
Io lo dicevo che la spalla mi fa sempre ancora male…
Allora..tutta quella gente che mi diceva “dai che
non è niente!” oppure “ma no è che ti sembra ti stare male”, o “ma non è che ti sei fissata psicologicamente?”
Beh belli miei…scusate se smonto i vostri tentativi di improvvisarvi psicologi da reparto surgelati, ma se non avete ancora capito, non sono proprio il tipo che si fissa di star male e poi crede di star male davvero. La roba psicosomatica non fa per me. Escluso forse lo schifo per i piccioni.
A me piace stare bene, preferirei ben una “ripicca” in meno e poter fare tutto quello che mi pare tipo Aikido, e Capoeira ecc.Guardiamo i lati positivi, in attesa di forse un giorno quando mai sarà riprendere i miei amati sport e hobby, sono cmq autorizzata a sedermi quando prendo l’autobus! Potro ignorare tutte quelle vecchiette che in realtà stanno benone (loro sì che hanno i malesseri psicosomatici) e starmene beatamente seduta alla facciazza loro! uah uah! 😛

p.s. così tanto per dire…i citati 9kg che mi erano caduti addosso…alla fine è venuto fuori che erano 21….

Annunci


strong>Veci veci…non ce la faccio a starci dietro e tenere il ritmo di un tempo.
Vabeh così è la vita. Cmq non credete…ogni tanto qualche minuto per scrivere lo trovo, non vi siete mica liberati di me del tutto… 😛

Hmm hmm…ora non starò qui a racocntarvi tutte le mie vicende tipo il diarietto estivo che dovevi fare a scuola. Non mi pare proprio il caso. Roba inutile.
Da tutte queste ultime vicende ho elaborato una conclusione niente male.
A volte uno sbaglia proprio tutto.
Qua si sta sempre pensare a quel che non si ha, a quel che si avrebbe ma non si ha, a quel che si potrebbe fare ma non si fa….insomma quest’anda lamentosa che aleggia ovunque.Ma veci, così è la vita e non c’è niente da fare.
Non ho più una fotocamera..ma questa è un’altra storia…
L’altra sera son rimasta senza vino…e questa è un’altra storia ancora..
Non ho più il mio posticino per fare le nuotate…e questa è sempre la solita storia..
Non ho più un’inquilina e non ho un/una nova/o inquilina/o, di conseguenza ho anche un sacco di soldi in meno e disperazione in più. ecc. ecc. ecc..
E sinceramente non frega proprio una mazza.
Penso a quel che invece ho, e va bene così

E quello che non ho, è quel che non mi manca.

bellissima canzone, enjoyz & rock on.

<



 

 

Il fatto che per me un abbraccio vale più di un mazzo di fiori, non vuol dire che io sia insensibile…anzi…
Il fatto che preferisco la sincerità a un bel regalo, non vuol dire che io non sappia apprezzare un bel gesto…anzi…
Il fatto che non sono in vendita, non vuol dire che io non capisca il valore delle cose…anzi…

Il fatto che io preferisca evitare di sbandierarlo in giro, non vuol dire che anch’io non stia male delle volte….anzi..
Son presa male a palo. Sto da culo…
…per tutte queste stupide faccende, in cui non so con che diritto voi cari “amici” vi impicciate di continuo. In tutto questo teatrino patetico, in cui ognuno dice la sua senza neanche sapere come stanno le cose. A questa parata delle facce tristi, in cui mi si rimprovera perchè secondo voi la mia di faccia stona con le altre.
Sto male come una merda.
Ora che l’ho dichiarato pubblicamente su un sito accessibile a chiunque….ho forse guadagnato qualche bollino? Posso portare avanti la mia raccolta punti? Sono forse finalmente entrata a far parte del vostro “club delle meraviglie” ?
Spero che almeno ci sia in premio anche la bistecchiera antiaderente…come in tutte le raccolte punti che si rispettino.

 

e tanto per cominciare rendetevi utili e votatemi Top Blog Sites



E’ la terza volta che riscrivo questo post che doveva essere un altro.
Ok…il mio stato di ebbrezza mi ha impedito ogni volta di ricordarmi in tempo di fare “seleziona tutto e copia, che non si sa mai, così in caso basta fare incolla”
Adesso non ho più voglia di ricordarmi cosa volevo scrivere e come.
…ma il punto è che sul mio blog non avrei…non avevo bisogno di fare tutto questo!!!
Non facevo aggiungi tag+ salva+ pubblica, ma poi spariva tutto in ogni caso e senza sapere perchè. *..cioè..le parole stesse salva e pubblica dovrebbero lasciare intuire che non dovrebbe sparire tutto così nel nulla…*    ((** Bastian!!Atreiu!! aiuto…il nulla ci sta invadendo!**))
Non provavo 3 volte a caricare una foto, e ancora non funziona!…anzi…non è che non funziona..ti prende proprio per il culo!…fai tutti i passaggi dopo aver risolto i vari quiz intelletivi per riuscirci, e una volta clicckato “inserisci nell’articolo” ti fa tutto bianco…te provi ad aspettare tipo mezzora ma resta sempre tutto bianco…
Ma che ooooohhhh!!
Veci…già ci avevate messo tutta l’anima a convincermi a usare wordpress quando ancora funzionava…ora inizio a pensare se sia meglio traslocare al più presto…

Peggio per voi…il post che avrei scritto era proprio una figata..per non parlare della foto…
Cazzi vostri. leggettevi questo sclero sbelinato e amen.
E abbaso wordpress e chi lo usa. me compresa.
Ciao ciao a quando mi tornerà la voglia di scrivere un post…cioè forse mai…



C’è questo posto dove in teoria io abito che si chiama Italia, che ormai è un fenomeno.
Cioè si basa sui fenomeni….insomma…a quanto pare cagano solo chi e quel che è un fenomeno.
*lieta di non essere cagata*
Il fenomeno questo il fenomeno quello…
Il fenomeno Grillo, il fenomeno Lost, Il fenomeno Dr House, Il fenomeno cantante (idiota) pincopallino,il fenomeno emergenza rifiuti, il fenomeno Ipod, e chi più ne ha più ne metta…
Come ogni anno, cercano di rifilarci il fenomeno…Grande Fratello…
Non capisco cosa ci sia di fenomenale in un certo numero di entità che rinunciano a qualunque cosa (sport,hobby,famiglia…birra!) solo per stare sotto delle telecamere chiusi in una gabbietta…
Già a volte guardo il “fenomeno Shiver“, qui a casa mia e mi viene l’angoscia. Non mi sembra se la passi troppo bene, preferirebbe le praterie…ma d’altronde lui non aveva scelta, l’alternativa era lo stomaco di un serpente. (e poi le praterie non le ha mai conosciute…sennò magari aveva già scelto il serpente..)
In effeti no..avrebbe senso in senso letterale..alla fin fine fenomeno dal greco vuol dire ciò che si manifesta ed è dunque osservabile. Solo che dopo qualche migliaio di anni, si usa per definire qualcosa di osservabile MA speciale. vabeh.
Allora c’è questa casa con queste persone patetiche dentro che non hanno niente da dire e da dare, che sbagliano i congiuntivi e le parole più banali (scusa Roberto..spero non ti suiciderai se ti svelo che la parola “esaudiente” in realtà non esiste) e poi c’è questa Lina che siccome è stata espansiva-manolesta in diretta tv con Roberto (= gli ha fatto un paio di raspe) la vogliono radiare dall’ordine dei medici e si fa polemica perchè chissà se è giusto o no, alla fine ognuno dovrebbe essere libero di fare le raspe a chi vuole. E io me ne frego delle raspe, e mi chiedo….una che non distingue un naso rotto da una banale botta come cavolo ha fatto ad entrare nell’ordine dei medici?
In questi giorni di infortunio, in cui i dolori mi costringono a stare sveglia la notte, mi riduco a vederne di tutti i colori alla tv pur di passare il tempo.
Rimpiango “i bei tempi andati”. I miei tempi. Quando si guardava “bim bum bam” e i puffi, e di notte c’erano le repliche dei telefilm più strafighi tipo Fonzie e Startsky&Hutch e Mork&Mindy, e Vicky il robot e compagnia bella. Ai reality non ci si pensava, e non si era costretti a vedere Maurizio Costanzo o Maria de Filippi su ogni canale ad ogni ora.
Ecco…finite le menate di Lina…iniziano la squadra dei blu e quella dei bianchi della scuola di Amici a litigare per chi canta o balla meglio, con tanto di professori al seguito che si insultano a vicenda.
Questo fa audience.
Ai miei tempi si aveva rispetto per i professori. Si aveva quasi paura, o almeno soggezzione. E loro pensavano solo ad insegnarti quel che dovevano. Non pensavano a parlare di menate inutili tipo se la tua caviglia è grossa o fina ecc.

Ai miei tempi se non dormivi invece di guardare la tv leggevi un sacco di libri.
Il piccolo principe, Oliver Twist,Pinocchio, alice nel paese delle meraviglie, Il Giovane Holden, Il vecchio e il mare, Moby Dick, L’isola del tesoro, Matilde, Due di due, Dracula, Madame Bovary, Siddharta, Il lupo della steppa, lo straniero….
*Sì…sarà meglio che mi sbrighi ad andare dall’oculista…*

Cmq…cara Italia dei fenomeni….te lo do io il grande fratello!
Guarda e impara!
Considero questo fantastico cartone animato (per adulti) oltre ad un prodotto acuto ed esilarante, un elemento indispensabile della propria cultura generale. (quanti dentro ad Amici o GF sapranno chi era Betty Boop? e Foxy Love o StrawberryCake..non gli ricorderà nessuno..)
Un piccolo assagino per voi, con il consiglio/augurio di procurarvi il resto ((per chi è nei dintorni basta un fischio qui))

((visione consentita solo (maggiorenni) a chi ha letto almeno 5 dei libri sopra citati o simili 😛 ))
aggiornamento postumo:
Sti bauchi di Yuoutube mi hanno cancellato il video. qui si possono vedere un po’ di episodi, però in inglese. Sennò basta il caro Muletto e si trovano 😉


Come avrete visto ultimamente mi sono data un po’ alla danza della latitanza, ma di questo forse scriverò più avanti.
Per ora penso il mio silenzio meriti un break. Pane al pane e vino al vino. quando c’è lo stile mi piace riconoscerlo.
Come diceva mio nonno “non è cosa fai, ma come lo fai a fare la differenza.”

Come saprete ho partecipato al contest fotografico WinterSlice.
L’ho fatto per puro divertimento e passatempo senza pretese, come quasi sempre faccio ogni cosa. Però i
ghiotti premi in palio, devo ammetere che mi avevano dato qualche motivazione in più…se non quasi qualche nota di competitività.

Mai avrei sperato nei premi giuria (riconosco i miei limiti….e ancor di più li sbandiero davanti a fotografi professionisti), e infatti non ne ho vinto nessuno.
Però è andata a finire che mi sono classificata prima a
parimerito per la foto che ha ricevuto più voti dai lettori.
Se mi fossi autovotata, come altri hanno fatto, avrei vinto.
Se non avessi votato la mia “rivale” (chi non fa un minimo 2+2 in una situazione simile?…io) avrei vinto.
Per decidere il vincitore alla fine era stato deciso un
ballottaggio anonimo tipo estrazione a sorte.al quale sono seguite non poche polemiche dai miei fan, e penso anche dagli altri visti i commenti * se ti dicono di votare “busta a” o “busta b” che cavolo voti il nome della tua foto preferita? non sai leggere le istruzioni?io penso di sì*
Il mio primo pensiero di urtamento sinceramente è stato “fanculo alla sportività, la prossima volta mi auto-voto anch’io” e poi “che cazzo c’entra un’estrazione con un contest fotografico??Allora fai una lotteria”

Ma alla fine arrivò lo sponsor, che ha deciso di dare a tutte e due i premi.
Niente estrazioni, niente ballottaggi.
Non si sa se il premio sarà uguale al previsto e doppio, o diverso. Ma non importa.
I Signori della
Compagnia Del Cavatappi sono stilosi punto e basta. E mi sembra giusto spezzare una lancia in loro favore.
Così si fa! Bravi! alleluja, in questo povero mondo esiste ancora della gente che possiede un po’ di stile.
Non è fare lo sponsoro che fa la differenza, ma come lo si fa.

Inoltre mi son fatta un giretto sul loro sito, e mi sa che presto farò un po’ di shopping. Ma questa è un’altra storia.

Intanto colgo l’occasione per ringraziare anche Andrea che ha organizzato il contest, un santo che riesce a stare dietro a tutto e tutti e a gestire le situazioni più impensabili, nonchè tutti quelli che hanno votato le mie foto…
…grazie! tutti a CasaJoe per gustare il prelibato premio, qualuqnue sia! 🙂

enjoy and take care.



{gennaio 11, 2008}   un..due…trEN..libera tutti…!

Fra 9 giorni sono 2 mesi…e il mio braccio non è ancora guarito. Anzi mi permetto di dire…che non è per niente guarito.
Si sa che non è niente di grave (cioè niente ossa/tendini/legamenti/cuffie dei rotatori/o alto rotto) ma resta il fatto che non riesco a muovere il braccio dal gomito in giù,mi si informicola la mano, non ho le capacità motorie fini, e neanche un minimo di forza,e ho sempre un sacco di dolori a causa dei quali non dormo la notte.
Daltronde OGGI ho ritirato il risultato della risonanza magnetica….non ritenevano opportuno farmela fare prima…
E dunque continuiamo con gli uffici pubblici al servizio del cittadino…
Se
l’anagrafe è meglio di una palestra…L’ INAIL è una specie di scuola zen…ti insegnano ad essere paziente… Se penso che qualche giorno fa forse ho perso la carta d’identità sul treno…di sto passo diventerò il nuovo Buddha del terzo millennio…. Paziente ed illuminata uguale, grazie all’Inail, ma con un fisico da paura,grazie all’anagrafe…wow.

Comunque oggi ero a fisioterapia…e l’omina delle terapie è da qualche giorno (non può essere molto di più…visto che ho potuto iniziare a curarmi solo da una settimana…sempre grazie alla calma zen dell’ufficio sopra citato) che mostrava una certa preoccupazione per i miei dolori. E sembrava proprio mettercela tutta per volermi aiutare a dormire la notte.
Così dopo mille telefonate e consulenze. Arriva l’illuminazione.
“Visto che sembra sia un problema di tensione muscolare, potresti prendere qualche goccia di
EN la sera, che è mio-rilassante e poi dormi bene…”
Io sarò anche “all’antica” * ai miei tempi una mela al giorno toglieva il medico di torno…*
Ma mi dico che anche se sono all’antica, forse non sono ancora totalmente fuori dal mondo e rincoglionita, così guardo dubbiosa e speranzosa il medico che era stato chiamato come gran consulente…
e lui tranquillo “ma sì..così ti rilassa i muscoli e poi dormi bene. Due o tre gocce…insomma, una cosa pediatrica! niente di che!”

Non so a voi…ma io sapevo che l’EN era uno psicofarmaco
Non sapevo fosse una cosa tipo l’aspirina o il moment o il latte caldo col miele.
E tanto meno sapevo che fosse….una cosa pediatrica!

Povero mondo…ma dove stiamo andando a finire?
Daltronde…l’altro giorno al bar ho sentito un gruppo di ragazzi che avranno avuto 18 anni…che erano convinti che la zucca fosse un frutto, e sicuramente non poteva essere una verdura..perchè è arancione… * quindi possono anche essere convinti del fatto che l’
EN sia tipo un integratore vitaminico…*
Sinceramente sono rimasta shockata….sia dai ragazzi della zucca…ma confido che forse se proseguono con gli studi o anche solo possiedono un enciclopedia o usano gòògle come si deve, hanno ancora qualche speranza…Ma soprattutto…dal fatto che l’
EN è “una cosa pediatrica” !
Cosa vuol dire che è una
cosa pediatrica?!
Cioè..non esiste!
Poi questi due omini ( e non due rincoglioniti qualunque..ma una fisio-terapista e un medico!) erano così tranquilli e convinti che mi sono quasi sentita io rincoglionita.

Per fortuna ho scoperto che la rincoglionita non sono io, ma molte altre persone *purtroppo*.

Non so voi, ma io un minimo di bene me lo voglio, e preferisco tenermi il male alla spalla finche devo.
….e se mai succederà, sarò lieta di avere dei
boci iper-attivi.



neveautos1.jpg

 Stamattina superprestissimo sono stata svegliata per telefono da una persona quasi in “panico” e agitata : ‘ oddio! c’è la neve! devi andare a fisioterapia! ti porto gli scarponi! ti diamo un passaggio in macchina…è tutto bianco!…mettiti la maglia della salute..’
Che robe….già mi immaginavo ,la città bloccata, ad arrancare affondando nella neve.
In realtà non c’era più di qualche centimetro. Già adesso non ce n’è neanche più la minima traccia…
E questa sarebbe neve???

Eppure una volta era normale. Almeno qui da noi.
Svegliarsi la mattina e trovare tutto bianco e affondare la gamba nella neve.
Macchine che non partivano o che non le trovavi.
Gente che non arrivava al lavoro o a scuola a causa della neve.
Da bambini si aspetava l’imverno, e speravi che ti fosse cresciuto il piede così ti compravano i Moon Boot nuovi di un colore nuovo, e potevi andarci in giro ed eri il più figo a scuola.
Andare con gli amici sulle passeggiate del talvera (pieno centro) a fare le slittate.
Mi ricordo che quand’ero bambina a volte staccavano l’acqua sennò ghiacciavano i tubi o robe simili.
Quando mia mamma è uscita dall’ospedale dopo che è nata mia sorella c’era un sacco di neve…neve vera e duratura…ed era inizio novembre….

Tutto questo adesso, detto così, sembra quasi assurdo.
…Eppure una volta era normale…

povero mondo



Scusate non è che non ci sono.
Sono solo troppo lenta.
Mi scuso per i commenti a cui non ho risposto, per i commenti che non ho lasciato,i compitini che non ho svolto, per questo e
l’altro blog che non ho più aggiornato, ecc.
Poi dicono che a lavorare in un ufficio non fai fatica e stai tranquillo…
Sì beh, in effetti non stai in piedi tutto il giorno e non devi fare troppa fatica fisica.
Ma un bel giorno ti si stacca una mensola, e i 22kg di roba che c’erano sopra ti stanno per arrivare in faccia e allora te d’istinto li tieni su col braccio al volo, e ti si rovina la spalla, e devi andare all’ospedale, e ti mettono il braccio appeso al collo, e ti vivi un’anteprima della tua vecchiaia senza badante, in cui sei lentissimo,rincoglionito dai farmaci,non riesci a fare neanche le cose + banali da solo, e soprattuto…ti duole tutto sempre, e inizi ad avere tendenze lamentose.
Niente di troppo grave comunque. Uno stiramento o robe così.
Cmq, non riesco a scrivere più di molto e dopo più di mezzora che non sono in posa orizzontale vedo altri mondi.
Meglio così, le tendenze lamentose potrebbero prendere il sopravvento quindi poco male se non riesco a scrivere.
Godetevi la pace della mia assenza finche potete! 😛
A presto, spero.

rock on
😉



exhausted.jpg

Una canzone che mi piace dice “se mi rilasso collasso”.
Se la mia pesantissima profe di fisica ce l’avesse fatta ascoltare al tempo, non avrei preso un brutto voto all’interrogazione sulla forza d’inerzia ed avrei capito tutto subito.

Chi lo dice che i ponti fanno bene?
Maledetti ponti!
vi odio!
e odio ancor di più chi fa ponte e viene da me a farmi la danza dell’arroganza.
I ponti fanno male, malissimo. A quei poveretti che come me, invece di avere vacanza, devono stare a lavurà.
E si lavora ancora di più…perchè…la gente non è normale…
Io dico…
hai 3 giorni di vacanza….
…e non hai niente di meglio da fare che venire qui in negozio ad esaurirci l’anima?
*e ovviamente, alla fine non compri neanche niente*
non stai mica bene!
non stai per niente bene!
Non lo sai che esiste il divano,dormire, le gite, la famiglia,pennichelle, gli amici,il cinema,pisolini, la birra,i parchi,sonnellinI, i tornei di briscola, l’uncinetto,gli scacchi,la tombola,il the delle 5,dormire,dormire….
in 3 giorni di vacanza io ne avrei di cose da fare..

Così mentre tutti belli freschi mi guardano male, come la solita sfattona fancazzista
che ad ogni occasione si spacca la faccia, e mi fanno “ma come, è appena martedì e dopo 3 giorni di vacanza hai già questa faccia? eh..vedi sempre a fare i bagordi..!”
Io cerco di pensare ad altro in modo da distrarmi e non prenderli per il colletto incassandoli nel muro *lavorato,lavorato,fatto un trasloco al posto dell’inquilino pur di liberarmene, lavorato, alzarsi presto,lavorato,fatto straordinari,uscita per non fare l’asociale,dormire 3 ore -lavorare 10 ore, lavorato, sorridere ai clienti arroganti…bla bla bla*
meno male che ho sonno e la stanchezza prevale sulla mia aggressività.

Credo sarebbe giusto fare una specie di banca del sonno.
Ognuno *e in fondo è scientificamente provato* ha diritto/bisogno di tot riposo.
Invece di calcolarlo sulle solite 8 ore giornaliere che ti fregano sempre,
Lo si dovrebbe calcolare nell’arco della vita, da una certa età in poi.
e poi fare i conguagli a debito o a credito.
…Di sto passo, avrò un conguaglio tale che smetto di lavorare a 40 anni…
E voialtri che fatte tutti sti ponti e avete pure i sabati liberi, starete a recuperare fino alla vecchiaia! tiè! 😛
Intanto mi affido alla forza d’inerzia..vedi che aveva ragione la mamma quando mi
diceva “studia studia, che prima o poi ti tornerà tutto utile” eh già.

 Come se non bastasse è arrivato l’inverno.
Il freddo a me mi spegne proprio. Mi fa passare la voglia di vivere, nel senso
che mi fa passare la voglia di fare qualunque cosa e mi limiterei a vegetare.
Meno male che c’è la cara
perlina vichinga a rincuorarmi.
Una cosa che fin da piccola pensavo, ma tutti mi davano della bacata..
In inverno si dovrebbe andare tutti in letargo!

io aderisco subito.

 



et cetera