colLateral Thoughts











{febbraio 19, 2013}   midway

film da vedere.
Direi che il video parla da sé

cmq il trailer ufficiale in realtà è questo

Annunci


{febbraio 16, 2013}   corsi di recupero per tutti…

ImmagineImmagine

No no no..non si può!

Un’altra persona che mi dice “Ahn vorresti andare in Portogallo…allora sai parlare lo spagnolo!”

Non gente che ha vissuto nelle grotte fino a ieri…Gente che studia e va in giro…
Insomma..una volta al lavoro una mi ha detto “ahn, sei stata in Grecia! anche mia figlia! come si chiama quell’isola dove vanno tutti i giovani con tante discoteche….ahn! Ibiza!”
Però dai..almeno sapeva che era un’isola. E la persona stessa era alquanto isolata e anziana ecc. Insomma dai a volte una gaffe può capitare.

Ma sta cosa dei portoghesi che parlano spagnolo e che il Portogallo sarebbe una regione della Spagna pare un virus ultimamente. Poi..detto da gente che si bulla di girare il mondo ed essere stata qua e la ed aver ottenuto il tal risultato al test d’ingresso della cultura generale dell’uni bla bla bla…

Allora….direttamente dal mio libro di prima media…

Il Portogallo è uno STATO. Il più occidentale fra tutti gli stati europei. E la capitale è Lisbona.
In Portogallo si parla PORTOGHESE, che è anche la lingua ufficiale delle ex colonie: Brasile, Angola, Mozambico, Guinea-Bissau, Guinea Equatoriale, Capo Verde, São Tomé e Príncipe, Macao e Timor Est. Anche alcune comunità in Giappone e in India parlano portoghese.
Sono quasi 300milioni le persone che parlano portoghese (madrelingua). E il portoghese è la quinta lingua più parlata al mondo.

Ok? tutto chiaro?
Mi raccomando né!

Vi lascio anche un video con un sacco di curiosità interessanti sul Portogallo

( il video è rivolto ai finlandesi, ma a noi non interessa molto in questo momento. forse in seguito)



{febbraio 15, 2013}   Scheiße….o “desesperdida”

desesperdida è una parola che non esiste.
Non so se l’ho inventata io o magari qualcuno già l’ha sfoderata in altri tempi e luoghi, ma non è rilevante.
Chi mi conosce sa che tendo spesso a inventare parole nuove. Non so se è un problema normale per chi studia lingue/vive all’estero/ecc. Sì insomma…a volte ti sembra che quella parola in quella lingua non basti più, sarebbe meglio un’altra parola di un’altra lingua. Oppure come mi tormentava il prof. di traduzione “semanticamente corretto, pragmaticamente da rivedere” o viceversa “pragmaticamente corretto, semanticamente da rivedere”. Anche se la Mutter dice che anche da piccola facevo così…si vede che col baco ci sono nata.. 😛
Poi io ho dei problemi, sono quasi certa che sia un difetto genetico * (vedere aneddoto alla fine), e talvolta ho difficoltà a dire certe parole correttamente. Ad esempio non riesco quasi mai a dire Romeo e Giulietta e dico sempre Giulieo e Rometta.

Cmq ci sono quelle parole che ti tormentano quando studi una lingua. Quelle che trovi in ogni dialogo del libro, ogni esercizio, ogni dispensa ecc.
Nel caso del mio primo anno di portoghese ho avuto alcuni mesi di stalking dalle parole “perdida/o” (persa/o) e “desesperada/o” (disperato).
Ma se capita che ti senti perso e disperato?…beh allora ecco desesperdido.
Non fa una piega, o?

Ecco allora mi sono finita tutti gli esami con uno sprint finale da gazzella (4 in 3 settimane, ma 3 in 10 giorni). Che bello yeee!
E invece me ne sto desesperdida…
Devo scrive la tesi super in fretta…e io non sono brava in ste cose. Non lo sono mai stata. Uffff…. Solo in Germania mi riusciva bene scrivere le tesine ecc. Lì ti davano delle istruzioni schiette e precise e punto e basta.
L’efficienza tedesca….forse mi ci trovavo bene perché è quello che a me manca… Segui i punti dall’1 al 5 e la tua tesina andrà bene. Non li segui e non andrà bene. Semplice no? Qui invece è tutto un forse e dipende e vediamo…uff.

Poi devo trovare qualcuno che prenda la mia stanza a Forlì…
Anche qui mi manca lo stile della Germania…Tu scrivi un annuncio, la persona LO LEGGE, se è interessata ti contatta per vedere la stanza e poi si mette in contatto col proprietario e fanno tutto senza tante storie.
Qui tu scrivi stanza DA APRILE/FINE MARZO e la gente ti chiama..”sì io mi dovrei trasferire a forlì da metà o fine febbraio…”
scrivi NO BREVI PERIODI, e loro ti chiamano “sì ciao, faccio un corso di un mese…”
Per non parlare di quelli che ti fanno uno squillo e buttano giù e poi ti mandano pure sms “minatori” scrivendoti “hei, ma perché non mi richiami quando ti squillo?? vorrei informazioni per la stanza!” (che ovviamente gli serve da febbraio e solo per un mese…)

In tutto questo mi arrovello sul piano d…
Sarebbe il Portogallo…..Ma in dei momenti mi chiedo se sarebbe meglio tornarmene alla mia cara vecchia Germania…Boh.

In tutto questo dovrei scrivere la tesi e consegnarla entro 10 giorni…Scheiße.
Ovviamente faccio di tutto pur di temporeggiare…tipo scrivere post quasi inutili come questo 😛

Vi lascio una canzone come sempre. Canzone che ha segnato il periodo in Tedescofonia.
Quel “Scheiße” che riusciva a unire tutte le persone nella stanza… Italiani, Greci, Polacchi, Russi, Cinesi, Canadesi, Kirzighistani..provenienti da ogni angolo del mondo, lontane da casa e tutte “desesperdide” allo stesso modo. Per un secondo se la ridevano tutti allo stesso modo. (al di la di ciò, la trovo una canzone geniale)

enjoy

*uno dei tanti aneddoti sui problemi linguistici ereditari. Avrò avuto 14 anni ed ero nella mia stanza e il Vater mi urla dal soggiorno “vieni vieni! c’è quel gruppo che ti piace in tv!” e io (pigra come sempre) “chi?” e lui ” i litaba!” e io “eeeh?” “i litabaa” allora mi alzo e vado “cosa?”  “ma sì i lifitaba! quelli che ascolti sempre!” ..guardo verso la tv…”ahn! i litfiba!”



{febbraio 4, 2013}   breve e conciso

ragazzi….
ho finito tutti gli esami!
che altro posso dire?
Sì beh è stata una sudata pazzesca. Ma, che diamine, è andata! Fatto! Finito!
Non ci credo ancora.

enjoy & rock on

 

 

 



{dicembre 25, 2012}   ebrezza totale


santa
” ho ragioni per restare..in ebbrezza totale…”

Non fraintendetemi….mi piace passare il natale con i miei genitori e mia sorella. Sono i restanti parenti intorno e tante altre cose di contorno che vanno oltre ogni mia possibilità di tolleranza. Non sto a spiegarvi le dinamiche ed i motivi. Troppo lungo e noioso.
Buone feste a tutti, con l’augurio di poter scegliere di passarle nel modo a voi più congeniale.



{novembre 26, 2012}   viva la campagna? Chi vivrà vedrà

tanto per cambiare è da un bel po’ che non scrivo.
Avrei un sacco di cose di cui scrivere… Ho fatto il pane in casa, il “piano c” volge al termine, ho imparato a usare il telaio (per ora solo quello a cornice), più le solite menate-cavolate. Ma il mio spirito da eremita talvolta preme. E quando mi lascia in pace non ho un computer a portata di mano (sì per ora mi conservo all’antica..non sto sempre connessa tramite telefoni, fon, pad, pod, galassie, bla bla ecc.)

Oggi però vorrei condividere un sito di cui molti mi chiedono e si entusiasmano.
Non so…di solito io vengo sempre a sapere le cose per ultima…e invece pare che sta roba la conosca solo io…
Si tratta di WWOOF (World Wide Opportunities on Organic Farms).
Per farla breve è un’associazione che permette di fare scambi tipo “alla pari”, ma in fattorie (organiche).
Si aiuta alcune ore al giorno in fattoria o in altre cose di cui hanno bisogno e in cambio si riceve vitto e alloggio.
Si deve pagare una minima quota associativa annuale per via dell’assicurazione sanitaria/gli infortuni e per non avere/dare problemi tipo sembrare che lavori in nero ecc.
Di buono c’è che esiste da un sacco di tempo e le fattorie sono controllate, e cioè non è che con la scusa dello scambio ti sfruttano 20 ore al giorno come manodopera gratuita. Insomma, fanno le cose fatte bene ed è veramente uno scambio, dai e ricevi.
Inoltre (o soprattutto..) può essere un buon modo per visitare posti nuovi, altri Paesi e conoscere altre culture o imparare una lingua come si deve.
Non parlo per esperienza diretta, ma ho conosciuto alcune persone che lo hanno fatto e ho letto molte testimonianze positive in giro per blogs, siti ecc. Mentre esperienze negative quasi niente. Ne ho anche letto su libri e romanzi e quindi mi sa che è veramente una cosa molto diffusa e ampiamente collaudata (ovviamente in Italia ci svegliamo un po’ tardi).
Ho guardato a fondo anche i siti ufficiali (quello italiano e quello internazionale), e ci sono un sacco di situazioni che sembrano veramente “fuori di testa” (ovviamente in senso buono) e veramente stimolanti e divertenti ecc. Tipo marito tedesco e moglie canadese trasferiti in Spagna con amici norvegesi a cui poi si sono aggregati conoscenti inglesi o altre cose così. Insomma, ce n’è veramente per tutti i gusti e da poter veramente conoscere culture e modi di convivenza (cosa di cui sempre più noto l’estinzione…) .
Se riesco lo farò al termine del “piano c”, visto che dovrò attendere almeno 4 mesi per attuare il “piano d”, e perchè sempre più penso che vorrei scappare a zappare la terra lontano da tutte ste “camicie blu”, lucine, scarpe-giacchette-cinture-alla-moda, smalti-ombretti-rossetti, rate per cose inutili ecc… e fare i fatti miei. Solo che un conto è aiutare la nonna nell’orto da bambini, e un altro è fare le cose per davvero…Quindi ho pensato che potrebbe essere una buona palestra/campo di prova.
In ogni caso vi farò sapere.
Unica cosa da ricordarsi…l’iscrizione non è generale. Ad esempio se ti iscrivi a wwoof italia, l’iscrizione copre solo gli scambi in italia. Quindi magari prima di iscriversi sull’onda dell’entusiasmo è bene informarsi e decidere un minimo dove si vorrebbe andare, per non doversi iscrivere nuovamente ecc. ecc. Cmq i siti sono fatti bene e spiegano tutto alla perfezione.

come sempre vi lascio una canzone.
Enjoy



{luglio 5, 2012}   aiuto…

di solito non faccio queste cose, ma ho veramente bisogno di spazio e per una volta credo sia una cosa seriamente utile.
Quindi, chiunque pensi a mettersi Dropbox è pregato di farlo tramite me, dal link qui sotto, così entrambi riceviamo spazio extra gratis.
http://db.tt/cH1kW8b
Grazie! 



oggi era la giornata mondiale dell’acqua…
vi eravate accorti che questa “ricorrenza”  esiste già da 20 anni? Io no… l’ho sentito per caso al tg.
Sarebbe il caso di pensarci un po’…e un po’ più spesso..

come sempre, la musica sa parlare meglio di me…Lascio la parola a Marco Paolini e i Mercanti di Liquore



In italia la mia (futura se tutto va bene) professione non esiste, non è regolamentata ecc. ecc.
Quando va bene ti sottopagano (4euro all’ora), quando va male ripiegano sui mezzi tecnologici per fare senza di noi, ed ecco il risultato…

Lo stesso ministero dell’istruzione…cioè coloro che pure si occupano della mi formazione per il mio futuro lavoro…cioè un ente istituzionale…cioè un bando ufficiale…
hanno preferito tradurre con google translator e neanche si son degnati di revisionare.
Così che pecorino (il formaggio) diventa magicamente “doggy style” (la posizione “a pecorina”)
Forse adesso hanno capito che anche noi serviamo a qualcosa, ma come sempre è servita una figuraccia internazionale per arrivarci.

ma che oooh.

(per tutta la storia più dettagliata, qui )



{febbraio 11, 2012}   e se va tutto bene manca poco…

non vorrei sembrare ridondante…chi mi conosce sa che ho motivi profondi, non è tanto per fare o una specie di moda. Chi non mi conosce forse lo ha capito leggendomi e/o forse lo capirà se avrà voglia di leggermi ancora.
non aggiungo altro, perchè credo che questo video dica tutto da solo.

 

 



et cetera