colLateral Thoughts











{agosto 13, 2013}   – god save the green –

l’altro giorno ho visto questo film documentario…
ovviamente lo mandano in onda ben nascosto, su canali secondari e ad orari improbabili…
Io l’ho trovato bellissimo ed interessantissimo, e lo consiglio a tutti.

Credo si trovi anche in streaming.

 

Annunci


Da pochi giorni nella mia città è partito il nuovo sistema di raccolta rifiuti.
Inutile dire che sono uscite mille polemiche e problemi….cosa che pare ormai ovvia in Italia ogni qual volta si presenti una novità…
Però c’è da dire che in questo caso non tutta la colpa è della “pigrizia” o della scarsa voglia di cambiamento delle persone.
Le cose non state fatte molto bene. La partenza è stata rimandata di un mese perchè la Seab non era pronta, molte persone si sono trovate senza il necessario (senza bidoni, senza chiavi per aprire i bidoni ecc.) Ci si chiede se questa operazione fosse necessaria, in quanto i Bolzanini risultavano già abbastanza virtuosi per quanto riguarda la raccolta e la differenziazione dei rifiuti. Per ora questo nuovo sistema ha portato solo disagi ed aumenti esorbitanti dei costi.

Vi segnalo questo gruppo facebook, che si occupa di uno dei problemi più spinosi della questione:
Le multe collettive. Ovvero…sbaglia una persona, che non si può sapere chi sia, e l’intero condominio paga una multa. Cosa che a quanto pare sarebbe anche incostituzionale.
Come ha affermato il sindaco
“basta fare la raccolta come si deve e le multe non si ricevono!”
Il problema è che questa affermazione perde il suo senso se si va a vedere il modo di fare e le istruzioni poco chiare che vengono fornite ai cittadini. Questo spesso viene visto come una tattica per incassare più soldi. 
Forse sia il Sindaco che la Seab dimenticano che non tutti i cittadini sono giovani e tecnologici e quindi in grado di andare su internet a cercare informazioni, a scaricare pdf, ecc.
Ci sono molte persone anziane, in buona fede ma con le idee molto confuse totalmente abbandonate a se stesse.

L’anno scorso nel mio condominio abbiamo preso 3 multe condominiali per “materiali non idonei dentro al bidone dell’umido”, “materiale plastico dentro all’umido”.Un giorno per caso cogliamo la colpevole con le mani nel sacco. Usava il sacchetto della spesa per metterci dentro l’umido e poi lo buttava nel bidone condominiale. Le abbiamo spiegato che non si poteva fare, e che se lo aveva fatto spesso probabilmente era la causa delle multe. Questa signora, che avrà 80 anni o forse più, è sbiancata e si è disperata. “Ma la cassiera del supermercato mi ha detto che non fanno più i sacchetti di plastica, ma ora sono tutti BIODEGRADABILI! Io pensavo fosse giusto!”Certamente la raccolta va fatta in modo corretto, ma forse anche le multe, le sanzioni, e le informazioni.Se la Seab avesse comunicato subito “multa causa sacchetto del despar dentro al bidone dell’umido” forse la signora si sarebbe potuta rendere conto subito, o se ne sarebbe parlato in condominio chiarendo al questione, e avremmo evitato le altre 2 multe. Forse se da subito certe cose si spiegassero per bene, la gente non farebbe certi errori convinta di fare bene.A tale proposito vi lascio una foto…tanto per rendere l’idea…L’ultimo pacchetto di sacchetti dell’umido che ci hanno consegnato dice una cosa, mentre il “volantino informativo” dice tutto il contrario…. Esiste un’altra versione di sacchetto (forse più nuova) che corrisponde al volantino… Insomma…non se ne esce!Mi chiedo, con tutti i soldi che paghiamo, perchè non possano semplicemente fare un opuscolo, una guida, qualcosa di fatto bene, completo, chiaro e definitivo che indichi appropriatamente come comportarsi.

Buona domenica a tutti.

mybio



{giugno 9, 2013}   e momenti così… :)

 

 

In tutta la mia vita mi sembra che non ero mai arrivata prima in niente.Beh, non che ci avessi sempre provato con grande sforzo, alla fin fine andava bene lo stesso.Oggi per la prima volta sono prima.In qualcosa in cui quasi non ci speravo.Giocando fuori casa.Una cosa a cui tenevo molto.Sono bei momenti, lo ammetto!
Sono uscita di casa trotterellando e canticchiando e tutta la gente mi guardava come se fossi una pazza scappata dal manicomio. che spasso.

E voi?



{dicembre 25, 2012}   ebrezza totale


santa
” ho ragioni per restare..in ebbrezza totale…”

Non fraintendetemi….mi piace passare il natale con i miei genitori e mia sorella. Sono i restanti parenti intorno e tante altre cose di contorno che vanno oltre ogni mia possibilità di tolleranza. Non sto a spiegarvi le dinamiche ed i motivi. Troppo lungo e noioso.
Buone feste a tutti, con l’augurio di poter scegliere di passarle nel modo a voi più congeniale.



{novembre 26, 2012}   viva la campagna? Chi vivrà vedrà

tanto per cambiare è da un bel po’ che non scrivo.
Avrei un sacco di cose di cui scrivere… Ho fatto il pane in casa, il “piano c” volge al termine, ho imparato a usare il telaio (per ora solo quello a cornice), più le solite menate-cavolate. Ma il mio spirito da eremita talvolta preme. E quando mi lascia in pace non ho un computer a portata di mano (sì per ora mi conservo all’antica..non sto sempre connessa tramite telefoni, fon, pad, pod, galassie, bla bla ecc.)

Oggi però vorrei condividere un sito di cui molti mi chiedono e si entusiasmano.
Non so…di solito io vengo sempre a sapere le cose per ultima…e invece pare che sta roba la conosca solo io…
Si tratta di WWOOF (World Wide Opportunities on Organic Farms).
Per farla breve è un’associazione che permette di fare scambi tipo “alla pari”, ma in fattorie (organiche).
Si aiuta alcune ore al giorno in fattoria o in altre cose di cui hanno bisogno e in cambio si riceve vitto e alloggio.
Si deve pagare una minima quota associativa annuale per via dell’assicurazione sanitaria/gli infortuni e per non avere/dare problemi tipo sembrare che lavori in nero ecc.
Di buono c’è che esiste da un sacco di tempo e le fattorie sono controllate, e cioè non è che con la scusa dello scambio ti sfruttano 20 ore al giorno come manodopera gratuita. Insomma, fanno le cose fatte bene ed è veramente uno scambio, dai e ricevi.
Inoltre (o soprattutto..) può essere un buon modo per visitare posti nuovi, altri Paesi e conoscere altre culture o imparare una lingua come si deve.
Non parlo per esperienza diretta, ma ho conosciuto alcune persone che lo hanno fatto e ho letto molte testimonianze positive in giro per blogs, siti ecc. Mentre esperienze negative quasi niente. Ne ho anche letto su libri e romanzi e quindi mi sa che è veramente una cosa molto diffusa e ampiamente collaudata (ovviamente in Italia ci svegliamo un po’ tardi).
Ho guardato a fondo anche i siti ufficiali (quello italiano e quello internazionale), e ci sono un sacco di situazioni che sembrano veramente “fuori di testa” (ovviamente in senso buono) e veramente stimolanti e divertenti ecc. Tipo marito tedesco e moglie canadese trasferiti in Spagna con amici norvegesi a cui poi si sono aggregati conoscenti inglesi o altre cose così. Insomma, ce n’è veramente per tutti i gusti e da poter veramente conoscere culture e modi di convivenza (cosa di cui sempre più noto l’estinzione…) .
Se riesco lo farò al termine del “piano c”, visto che dovrò attendere almeno 4 mesi per attuare il “piano d”, e perchè sempre più penso che vorrei scappare a zappare la terra lontano da tutte ste “camicie blu”, lucine, scarpe-giacchette-cinture-alla-moda, smalti-ombretti-rossetti, rate per cose inutili ecc… e fare i fatti miei. Solo che un conto è aiutare la nonna nell’orto da bambini, e un altro è fare le cose per davvero…Quindi ho pensato che potrebbe essere una buona palestra/campo di prova.
In ogni caso vi farò sapere.
Unica cosa da ricordarsi…l’iscrizione non è generale. Ad esempio se ti iscrivi a wwoof italia, l’iscrizione copre solo gli scambi in italia. Quindi magari prima di iscriversi sull’onda dell’entusiasmo è bene informarsi e decidere un minimo dove si vorrebbe andare, per non doversi iscrivere nuovamente ecc. ecc. Cmq i siti sono fatti bene e spiegano tutto alla perfezione.

come sempre vi lascio una canzone.
Enjoy



{luglio 5, 2012}   aiuto…

di solito non faccio queste cose, ma ho veramente bisogno di spazio e per una volta credo sia una cosa seriamente utile.
Quindi, chiunque pensi a mettersi Dropbox è pregato di farlo tramite me, dal link qui sotto, così entrambi riceviamo spazio extra gratis.
http://db.tt/cH1kW8b
Grazie! 



E allora oggi mi sa che mi bullo un po’.
In realtà è una di quelle giornate che mi girano a tutta birra. Se si verificherà un uragano sapete a e chi dar la colpa.
Volevo scrivere un paio di frecciate su un paio di cose. Ma mi sono resa conto che manca qualche elemento. Uno non può arrivare dal nulla e iniziare a parlare di cose riguardanti argomenti di cui niente si sa e di cui hai lasciato perdere il filo da secoli.

Allora ho pensato che finalmente vi spiego il mi piano c e mi bullo un po’.
Io sono così. Cerco sempre di guardare il lato positivo, anche quando mi girano più veloci di una centrale eolica o quando arrivo al fondo del fondo che “più in basso di così c’è solo da scavare”. Anche se non lo do a vedere.
Molti mi trovano una persona malinconica o cinica o pessimista. Ma credo che sia solo un loro limite. Ammettere che le cose vadano di m…a e prendere atto del reale stato delle cose non vuol dire per forza essere pessimisti e non agire poi in modo costruttivo. Anzi.
Solo che loro non riescono a capirlo.
Cmq vabeh..non divaghiamo. Mi voglio bullare, così mi tiro su l’animo e così forse qualcuno in più capirà che vedere la reale m…a dello stato delle cose può essere molto produttivo.

Allora ormai c’è sto piano c che inizia a rompere i belini. Lo cito sempre. Ma alla fin fine cosa sarà di così importante?
Il piano c è la mia nuova vita che ho deciso di intraprendere alla veneranda età di 27 anni.

Allora..sarebbe troppo lungo spiegare tutti i passaggi fin dalla mia infanzia che hanno portato a questo. Riassumiamo dicendo che ho fatto un bel casino di quel che era la mia vita circa da dopo il liceo per un po’. Niente di illegale o pericoloso. Solo che faticavo a trovare la mia strada, e le varie pressioni e pretese che ricevevo intorno non facevano altro che confondermi ancora di più.
Anche qui ce ne sarebbe molto da scrivere. Ho provato a riassumere ma non basta un rotolone regina. Quindi cancello tutto e la dico spiccia.
– A un certo punto ho mollato tutto. Ma tutto tutto. Gli studi e le persone. Ho preso il primo lavoro che ho trovato, ho cercato una casa e 2 inquiline e me ne sono andata per i fatti miei. Non ero sicura che fosse la mia strada, ma almeno era una strada che era mia e basta.
– Poi facevo 3 lavori contemporaneamente.
– Poi finalmente ho trovato un lavoro a tempo indeterminato ecc. Insomma. sembrava che la strada si facesse strada.
Anche qui ce ne sarebbe da scrivere di tutti i colori, ma salterò tutto compreso l’arrivo dell’epifania, fino all’estate del 2009.
– Un bel giorno sono andata in ufficio e ho consegnato la lettera di dimissioni.
– Sono andata a Forlì e ho fatto il test d’ingresso alla Sslmit. Non sono entrata subito, ma mi hanno ripescata. Quel che conta è che ero dentro.  Alla fin fine c’erano 182 posti e ci hanno provato più di 800 persone..
– Così mi sono trasferita a Forlì e mi sono iscritta. E a 27 anni inoltrati ho iniziato la mia vita da matricola universitaria.
L’inizio è stato un po’ traballante, avevo i neuroni un po’ intorpiditi, e in Italia come sempre i pregiudizi e i pettegolezzi viaggiano a mille. Alcuni miei compagni non potevano accettare questa vecchia intrusa nel loro mondo. Ma amen. Alla fine ho preso il ritmo, il secondo anno l’ho passato in Germania in Erasmus. Ora sono tornata e devo fare l’ultimo anno della triennale. Per ora sono quasi al passo con tutti gli esami. Ne ho dovuti lasciare indietro solo 1 e mezzo a causa delle differenze di sistema tra l’Italia e la Germania.
La mia media è molto buona (ma nella mia situazione io la giudico ottima). Prendo la borsa di studio dalla mia provincia e faccio qualche lavoretto e sommando il tutto, in un anno ho gli stessi soldi che in un anno col mio precedente lavoro.
– Sto raggiungendo svariati miei conoscenti “parcheggiati” all’università da sempre e i cui genitori si dilettavano, ogni tanto, venendo da me al lavoro e guardandomi con un misto di pietà e sufficienza e dicendomi “ah…sei sempre qui…il mio è a fare il tirocinio in Inghilterra o chissàdovealtro/a fare gli esami/in vacanza prima di rimettersi sui libri…ecc”
I miei compagni, o mi accettano o mi evitano. Con alcuni ho stretto un bel rapporto, forse quasi amicizia. Vedremo.
Mentre degli altri me ne frego e li lascio nel loro brodo. E’ che è dura per certe menti corte accettare che una “vecchietta” prenda voti migliori di loro e non si sia ancora ritirata.

Insomma, non mi faccio illusioni per il futuro (su questo magari scriverò un altro post), ma pare proprio che il piano c abbia funzionato. Ora sono in ansia perchè è a un bivio e devo vedere come e dove andrà (altro post anche su questo). E inoltre devo sbrigarmi per il piano d. Il piano d non so neanche se farlo o no. E se lo faccio non so bene come. Insomma..finita sta triennale…che ne sarà di me? spero arrivi un’altra epifania ad illuminarmi il cammino. Non so se continuare su questa strada e iscrivermi a una qualche specialistica o se, vista la mia “veneranda età”, tentare il rientro nel lavoro il prima possibile. Mentre penso tutto questo però devo fare il terzo anno, andare a lezione (abbiamo l’obbligo di frequenza), fare gli esami e scrivere la tesi (su cosa? gh! 😮 ) . Sperando di stare nei tempi o di non sforarli troppo. 

Come mi diceva sempre il signor Carlo “chi vivrà vedrà, e intanto stiamo qua”.
Buon piano a/b/c/d/x/y/qualunque a tutti. 



{settembre 24, 2011}   gh?

ti accorgi che è veramente troppo tempo da quando hai scritto l’ultimo post….quando entri in wordpress e ti sembra di aver sbagliato sito..
tutto spostato,cambiato,rimodernato…c’è pure una specie di elettrocardiogramma sempre presente vicino al nome del mio blog!

Vabeh.
Per intanto vi dico che son tornata in patria. *uff!*
Spero di fuggire presto via di nuovo. Il piano c per ora continua a procedere benone, e fra poco dovrò decidere se passare alla fase 2 o se finirlo lì… *panico*
vedremo.
intanto vi lascio questo articolo che secondo me dice un sacco di cavolate..o no?

Per il resto cercherò di fare i compitini e scrivere qualcosa (ma tanto chi mi legge? hihi!) 😛

mach’s gut & Kopf hoch 🙂



{marzo 16, 2011}   il 17 Marzo delle persone

con alcuni amici abbiamo creato un evento simbolico (=basta la partecipazione morale) su facebook. Visto che molte persone che lo hanno apprezzato non sono su facebook, e visto che allo scadere della mezzanotte l’evento sparirà, ho pensato di postarlo anche qui perchè tutti possano partecipare/commentare con o senza facebook e per mantenere un ricordo di questo strano 17 Marzo sperando, in un futuro, di poter riguardare indietro e rallegrarsi di essere andati avanti. Ora faccio un bel copia-incolla, di tanto in tanto magari aggiungerò degli aggiornamenti informativi o a tema o con i link postati sulla bacheca dell’evento. Enjoy

TIME TO PARTY! – basta polemiche! genug mit Polemik! –

La tua risposta: Parteciperò · Condividi · Evento pubblico
Ora
giovedì 17 marzo · 0.00 – 24.00

Luogo
dove ti pare
Bolzano, Italy

Creato da
La Joe

Maggiori informazioni
THIS IS A MORAL EVENT, SO TAKE PART ALTHOUGH YOU CAN’T COME BUT WANT TO GIVE YOUR MORAL SUPPORT! (AND THEN INVITE ALL YOUR FRIENDS!)  

Siamo stufi di queste inutili polemiche!
l’unità è fatta dalle persone, esseri umani che stanno insieme nella quotidianeità! Non dipende da poche frasi dette dai politici o dai sindacati o da altri.
Dopo le recenti polemiche riguardanti il 17 Marzo, noi cittadini dell’Alto Adige, invitiamo tutti a venire a fare festa a Bolzano il 17 Marzo.
Invece di mandarci a quel paese o insultarci, facciamo festa insieme. Si può stare insieme anche con diverse opinioni e identità. Anzi, è un motivo in più per fare festa!
Ok questi 150anni “non ci sono”? e allora??? Dopo tanti anni di cose brutte,violente, e difficili ora le persone vivono insieme tranquille, e le loro diverse radici sono una ricchezza per tutti quanti. Non è un buon motivo per festeggiare?
Facciamo vedere se siamo veramente uniti o se sta tutto nelle mani dei soliti 4 “capi” seduti nelle loro poltrone.
Vi aspettiamo! PUOI PARTECIPARE A QUESTO EVENTO ANCHE SE NON PUOI MATERIALMENTE VENIRE A BOLZANO MA CI SEI MORALMENTE.

N.B.
QUESTA INIZIATIVA E’ TOTALMENTE A-POLITICA ED A-PARTITICA. E’ SOLO UN’INIZIATIVA “UMANA” FATTA DA PERSONE CON PERSONE. CHIUNQUE E’ BENVENUTO QUALUNQUE SIANO LE SUE IDEE POLITICHE O TRADIZIONI.
OGNI CONTENUTO AGGRESSIVO,OFFENSIVO,O CHE INCITI ALL’ODIO VERRA’ RIMOSSO E SEGNALATO.

——————————-
Einheit entsteht unter Menschen, die im Alltag zusammen leben. Sie kann nicht einfach von Politikern oder Zeitungen/ Medien oder Gewerkschaften auferzwungen werden!
Nach der letzten Polemik zum 17 März, möchten wir, die Einwohner von Suedtirol, alle herzlich dazu einladen, am 17.März nach Bozen zu kommen, um mit uns zu feiern.
Anstatt uns gegenseitig zu beschimpfen, sollten wir lieber alle gemeinsam ein Fest feiern. Man kann nämlich auch trotz Meinungsverschiedenheiten und verschiedener Kulturen und Identitäten zusammen leben. Ja, das ist vielmehr ein weiterer Grund zu feiern!
Hier sind nicht effektive 150Jahre? na und? Nach den vielen komplizierten, gewalttätigen und schwierigen Situationen in der Vergangenheit, haben die Menschen es nun geschafft, harmonisch zusammenzuleben, und die Vielfalt unserer Traditionen ist für alle eine Bereicherung. Ist das nicht Grund genug zu feiern?

Wir warten auf dich! AUCH WENN DU NICHT PERSÖNLICH NACH BOZEN KOMMEN KANNST, KANNST DU DURCH DEINE MORALISCHE UNTERSTÜTZUNG AN DIESEM EREIGNIS TEILNEHMEN!

WICHTIG:
DIESES EREIGNIS HAT KEINEN POLITISCHEN ODER PARTEIPOLITISCHEN HINTERGRUND, ES IST NUR EINE INITIATIVE VON LEUTEN MIT LEUTEN.
JEDER IST WILKOMMEN, WELCHE POLITISCHE MEINUNG ER AUCH HAT, ODER WELCHER KULTUR UND TRADITION ER AUCH ANGEHÖRT.
JEDE BELEIDIGENDE ÄUßERUNG WIRD GELÖSCHT.

-123 parteciperanno – 20 forse parteciperanno – 284 in attesa di risposta – 60 non parteciperanno

—————————————————————————

I commenti dei partecipanti su facebook:


Annapaola

eine wundervolle Initiative :D….mal sehen, vielleicht werde ich diese Gelegenheit benutzen, um endlich Bozen und Süd Tirol näher kennenzulernen
18 febbraio alle ore 16.14
A te e Silvia piace questo elemento.

Gloria
sogno un’invasione italica
18 febbraio alle ore 17.37
A te e Stefania piace questo elemento.

Luca
Io sono meta’ ladino (badioto) meta’ trentino, va bene ugualmente??!! :p Il dove ti pare … dove sarebbe? 🙂 Beh sarebbe divertente andare tutti assieme a fare una passeggiata fino a Castel Roncolo e bere un buono veneziano, o che ne so una biclettata fino al ponte di vadena 😉
18 febbraio alle ore 21.34

Joe
va benissimo e pure meglio! ^___^ il dove ti pare sarebbe ovunque uno vuole…. visto che è un evento anche molto simbolico, per       ora ci pareva giusto che ognuno possa partecipare dove vuole o da dove vuole.

19 febbraio alle ore 13.43


Ilaria
bello, Vere… ma essendo lucana non festeggio :))
un abbraccio!
19 febbraio alle ore 12.41


Fabio
E’ una gran bella iniziativa…. non parteciperò fisicamente perchè impegnato in altro evento ma condividerò ai miei amici questa vostra festa di unità. Lodevole davvero…
22 febbraio alle ore 22.27
A te e Bruno Tedeschi piace questo elemento.

Joe
grazieee! noi pure ;o) (((cliccare “parteciperò vale anche per la presenza morale se si vuole ^____^ )))
22 febbraio alle ore 22.41 · piace a 1 persona

Fabio
hai ragione…sono schietto..odio tutti coloro che partecipano per presenza morale…non ti danno la giusta misura di quanti si è realmente poi presenti… almeno questo me lo consenti??? ahah
22 febbraio alle ore 22.44

Bruno
Cara Vere a me sembra una buona idea di poter partecipare anche solo moralmente, con una presenza solidale di condivisione dell’evento! In alto il cuore!!
24 febbraio alle ore 9.23


Sarah
E brava Vere!!! 😉
23 febbraio alle ore 22.27

Joe
danke danke! E bravi voi che aderite :o)
24 febbraio alle ore 14.5

 

Margherita
Iniziativa genuina. Io sono a Messina e stiamo cercando di contribuire alla creazione di un evento: CATENA UMANA DA NORD A SUD per il 17 MARZO, desideriamo unire le mani degli italiani per dare visibilità ai giovani, che nessuno li ascolta, perchè il futuro è già qui, ma non ce lo fanno vivere. Vi appoggio e chiederò alla CATENA di farlo con l’evento.
24 febbraio alle ore 7.30
A te e Eleonora piace questo elemento.


Domenico
Un affettuoso saluto e una lancia solidale dalla Germania!
24 febbraio alle ore 10.16


Eleonora
Bellissimo! Sono d’accordo! Stiamo uniti. Sempre.
24 febbraio alle ore 10.42


Giulia
fra l’altro il 17 marzo è anche San Patrizio, un motivo in più per festeggiare 🙂
24 febbraio alle ore 19.04
A te, Davide, Elisabetta e Elisa piace questo elemento.

Joe
giàà!
chissà..forse D. ha detto quel che ha detto perchè in realtà aveva già preso altri impegni con la Guinness :oPP
24 febbraio alle ore 19.10

Giulia
ahahahahah può essere 😉 se è così lo capisco, la guinnes è pur sempre la guinnes!
24 febbraio alle ore 19.11

Davide
Ora vi dico un’altra notizia.. La nostra associazione di volontariato FreeTimeBz il 17 marzo compie 2 anni!!! Un’altro buon motivo per noi di festeggiare! 🙂
24 febbraio alle ore 22.59

Jessica
Viva San Patrizio ♥ ma io da brava patriota lo festeggerò a Roma 🙂
01 marzo alle ore 18.10


Antonino
Ho alcuni amici e colleghi di lavoro a Bolzano,ed ultimamente devo dire che questo sentimento di unità che risale la china lo trovo qualcosa di veramente positivo,anche perché se è pur vero che ognuno conservi le sue radici,o le tradizioni,locali,io da Siciliano mantengo lo stesso i miei retaggi culturali ma amo arricchirmi nel possibile di quelli altrui ,amo conoscere,gli altri e penso che la prima cosa da fare in Italia sia proprio ricominciare ad avere il rispetto per gli altri ed’intendo tutti.Ci sarò Bolzano, con il cuore ma ci sarò
26 febbraio alle ore 17.43
A te e altri 2 piace questo elemento.


Joe
‎”la mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre.” (A. Einstein) – buon inizio settimana a tutti ! Gute neue Woche!
28 febbraio alle ore 0.20
A Claudia e altri 2 piace questo elemento.


Sandro
Mi piace – Ich mag es
martedì alle 20.47


Antonino
Brava,bravissima, mi aspettavo qualcosa,ma devo dire che il tuo calore umano nel presentare l’evento,supera le mie aspettative,per mè,da Siciliano e quindi da Italiano ,le tue parole suonano a festa,ed io anche se da lontano sarò con voi alla grande festa.
martedì alle 21.51


Linda Daphne
Io sarò a Laives nel mio comune!
martedì alle 23.28


Alma
giusto, basta polemiche, sono con voi con il cuore!
14 ore fa


Elena
Ma che bellezza!Anch’io partecipo alla Festa delle persone!da Palermo con tutti voi.
14 ore fa

 



{agosto 20, 2010}   la vigilessa zelante

Inutile come un vigile….
Mi convinco sempre di più che potrebbe diventare il nuovo insulto dell’anno…

oggi dovevo andare in un posto, ma non ero sicura dell’indirizzo. (ero indecisa tra una via o la sua parallela)
Questo indirizzo era neanche 10 metri dopo il cartello di inizio zona a traffico limitato.
Io ero in motorino.
Arrivata al cartello di inizio divieto di transito eccetto ecc…ho accostato,ho spento il motorino, ho tolto la chiave, ho tirato su il casco, e l’ho portato a spinta lungo il marciapiede (che è larghissimo e quindi non ero neanche di intralcio)
Così facendo, guardavo i campanelli sulle porte, e il mio progetto era “se sono giusta, torno indietro di 10 metri parcheggio, metto il lucchetto, tiro fuori la roba dal sottosella, ecc. Se non sono giusta torno indietro 10 metri, metto in moto e vado nell’altra via”.

A un certo punto sento urlare “signora signora!”. E solo dopo un po’ che l’urlo proseguiva, mi sono girata per il fastidio che mi dava, ed ho scoperto che era indirizzato a me.
Una vigilessa ha sentito il bisogno di fermare la macchina della municipale quasi in mezzo alla strada (tra l’altro intralciando il traffico in modo non indifferente) per avvertirmi con arroganza che “non ha visto che è zona a traffico limitato???!!”
Io mi sono sentita in dovere, di farle notare con garbo “non vede che il motorino lo sto spingendo, è spento, chiave tolta (quindi non posso averlo spento ora che ti ho vista), e inoltre non intralcio il passaggio? quindi credo di aver visto il cartello” Ora qui l’ho scritto in modo stizzito, ma lì gliel’ho detto molto più con garbo.

Io che non ho mai preso una multa di nessun tipo, che tutte le volte che mi hanno fermata mi hanno fatto i complimenti, che ormai non so neanche quanti punti ho sulla patente perchè ho tutti i punti possibili e ormai ho perso il conto e non so neanche più se mi piovono dal cielo o se sono cumulativi con quelli della spesa…

La vigilessa si è sentita in dovere di farmi notare “beh! sappia che se lo parcheggia lì le faremo la multa!”

Io mi sono sentita in dovere di precisare che lo sapevo benissimo, e infatti non stavo affatto parcheggiando. Ma valutando se parcheggiare 10 metri più in là o andarmene partendo da 10 metri più in là, perchè stavo cercando un ufficio.

Mi sono gustata quei 15 secondi di silenzio basito e sguardo sconfitto della vigilessa, che non sapeva più cosa dirmi ma non voleva darmela vinta.

Lei ha attaccato con la solita trafila del la tengo d’occhio, lei qui non può stare, si sposti, come si permette ecc.

Io avrei avuto molte domande da farle, ma poi le macchine si sono scocciate di essere intralciate da lei, e hanno inziato a farle capire che doveva muoversi. Io inoltre iniziavo a tardare per il mio appuntamento, che mi sembrava più importante di lei, e mi sono data una mossa. Lei è stata nei pressi a fissarmi come neanche il mago Giucas Casella quando ti deve ipnotizzare, finche non si è accertata che avevo colto il “suo” insegnamento.

Queste solo alcune delle cose che avrei voluto chiederle:

scusi signora vigilessa, visto che è così zelante a tal punto da venirmi a stressare anche quando non ho commesso nessuna infrazione…

– perchè io che abito in una piccola via a senso unico, ogni giorno devo rischiare la vita più volte perchè le bici vanno sparate contromano e quando ti vedono nè si spostano nè rallentano ma ti investono? e lei invece di stressare me, potrebbe essere a controllare queste infrazioni.

– perchè devo rischiare la vita anche la notte (sempre nella stessa via) perchè c’è gente che ha fretta e pensa che tanto alle 2 di notte di qua non passa nessuno e pure in macchina si fanno la via contromano a tutta velocità, e uno che attraversa ecc, non se lo aspetta e a momenti ci resta sotto? e lei invece di stressare me, potrebbe essere a controllare queste infrazioni.

– perchè nei pressi di casa mia c’è un bar che dovrebbe chiudere alle 20 o alle 22 e invece sta aperto fino alle 02 o alle 03 di notte con tanto di cori da stadio dei clienti, chitarre, radio a palla, e lamentele dei vicini, e io non posso dormire finche non decidno di chiudere? e lei invece di stressare me, potrebbe essere a controllare queste infrazioni.

– perchè in cima alla via dove abito c’è l’obbligo di svoltare a destra e metà gente se ne frega e svolta a sinistra e chiunque sia nei pressi rischia la vita ogni volta? e lei invece di stressare me, potrebbe essere a controllare queste infrazioni.

– perchè non trovo parcheggio sotto casa nelle righe bianche, grazie a chi non ha il bollino e non è residente se ne frega e parcheggia lì lo stesso sapendo che i vigili non passano mai? e lei invece di stressare me, potrebbe essere a controllare queste infrazioni.

– perchè, più volte al giorno, dobbiamo venire assordati dai clacson dei vicini che suonano perchè non riescono a entrare/uscire nel/dal loro parcheggio condominiale perchè ai non residenti non basta occupare tutti i parcheggi delle righe bianche senza bollino, ma si parcheggiano pure davanti ai passi carrai con tutta tranquillità? e lei invece di stressare me, potrebbe essere a controllare queste infrazioni.

– Perchè alla rotonda della stazione, anche se c’è uno o più vigili spesso non dirigono il traffico e la gente passa quando gli pare e piace senza il minimo ritegno, bloccando il traffico e quant’altro? e lei invece di stressare me, potrebbe essere a controllare queste infrazioni.

ora ne avrei ancora tante di domande da stare qui 2 giorni, ma come il mio appuntamento di oggi, il mio sonno mi sembra più importante visto che domani mi sveglierò e andrò a svolgere il mio dovere come si deve.



et cetera