colLateral Thoughts











winter_slice300ban.jpg

E questa volta, seppur sempre verso le ultime ore, sono stata puntuale.
E’ ora del
winter slice contest.
Inverno a tutta birra, almeno su internet. Perchè qui la situazione meteo lascia alquanto a desiderare.
Avendo inoltre
“perso” la mia macchina fotografica, ho dovuto rovistare nei miei archivi.
Spero di aver rovistato bene.
Vi lascio intanto le mie foto. Le altre le potete vedere sull’apposita
gallery.
E se stesse passando di qua, qualche ritardatario ispirato, può leggersi
il regolamento e partecipare entro la mezzanotte di oggi.
Tenete d’occhio il blog di
Andrea, organizzatore del contest, così se si va potete anche votare e aiutare il vostro autore preferito a vincere i prelibati premi messi gentilmente in palio dalla compagnia del cavatappi
enjoyz 8)

tutti-pronti-per-la-neve-mini.jpg
tutti pronti per la neve

il-guardiano-della-neve-mini.jpg
il guardiano della neve

ero-un-fiume-mini.jpg
ero un fiume

aspettando-la-primavera-mini.jpg
aspettando la primavera

Annunci


neveautos1.jpg

 Stamattina superprestissimo sono stata svegliata per telefono da una persona quasi in “panico” e agitata : ‘ oddio! c’è la neve! devi andare a fisioterapia! ti porto gli scarponi! ti diamo un passaggio in macchina…è tutto bianco!…mettiti la maglia della salute..’
Che robe….già mi immaginavo ,la città bloccata, ad arrancare affondando nella neve.
In realtà non c’era più di qualche centimetro. Già adesso non ce n’è neanche più la minima traccia…
E questa sarebbe neve???

Eppure una volta era normale. Almeno qui da noi.
Svegliarsi la mattina e trovare tutto bianco e affondare la gamba nella neve.
Macchine che non partivano o che non le trovavi.
Gente che non arrivava al lavoro o a scuola a causa della neve.
Da bambini si aspetava l’imverno, e speravi che ti fosse cresciuto il piede così ti compravano i Moon Boot nuovi di un colore nuovo, e potevi andarci in giro ed eri il più figo a scuola.
Andare con gli amici sulle passeggiate del talvera (pieno centro) a fare le slittate.
Mi ricordo che quand’ero bambina a volte staccavano l’acqua sennò ghiacciavano i tubi o robe simili.
Quando mia mamma è uscita dall’ospedale dopo che è nata mia sorella c’era un sacco di neve…neve vera e duratura…ed era inizio novembre….

Tutto questo adesso, detto così, sembra quasi assurdo.
…Eppure una volta era normale…

povero mondo



 

scusate ma questa ve la devo proprio dire!
uno dei miei indirizzi di posta è su iol alias libero, quando vai nella homepage per visualizzare la posta, gentilmente ti forniscono le notizie *secondo loro quelle più importanti* costantemente aggiornate.
Dovevo ricevere dei documenti per lavoro, ed ecco che mentre faccio il log-in mi vedo questa (importantissima)
notizia in anteprimissima.

 Bella lì! sono uscite le crocs versione invernale!

Meno male che non me la sono persa.
L’italia va allo sfascio civilmente socialmente ed economicamente, il maltempo devasta un po’ in giro ovunque, la gente si sveglia la mattina e decide di sparare a qualche parente, in ex birmania si spara sui monaci e su chiunque

Ma mi premeva sapere che quest’inverno i nostri piedini potranno stare al caldo ed essere trendy



et cetera